Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Gossip

Negli Stati Uniti lavorare troppo è la quinta principale causa di morte prematura

Immagine di copertina
Negli Stati Uniti lavorare troppo è la quinta principale causa di morte prematura, ma allora perché le persone non lasciano il proprio lavoro? Credit: Pixabay

Negli ultimi anni c'è stata una crescente attenzione nei confronti della salute fisica degli impiegati, mentre è diminuita a livelli preoccupanti quella nei confronti della loro salute mentale e psicologica

Secondo Jeffrey Pfeffer, professore di comportamento organizzativo presso la Stanford Graduate School of Business, in California, lavorare troppo è la quinta causa di morte prematura negli Stati Uniti.

Lo studio

Lavorare troppo, come emerge dai dati raccolti da Pfeffer e illustrati nel suo libro Dying For a Paycheck, colleziona ogni anno 120mila vittime e aumenta di una spesa tra il 5 e l’8 per cento dei costi annuali per l’assistenza sanitaria.

All’interno del suo libro, Pfeffer stima che ogni anni si verificano due milioni di casi di violenza sul posto di lavoro, molti dei quali non vengono denunciati.

E sebbene il numero degli omicidi sul posto di lavoro si sia ridotto, il professore di comportamento organizzativo sostiene che la maggiore attenzione nei confronti della salute fisica degli impiegati, in realtà cela un diverso tipo di violenza: quella psicologica ed emotiva.

I datori di lavoro, infatti, rare volte si preoccupano della salute mentale dei propri impiegati.

Lo stress

Le malattie croniche rappresentano il 75 per cento dei costi sanitari degli Stati Uniti. E dal momento che lo stress ne è una causa, specialmente per quanto riguarda i disturbi cardiovascolari e metabolici, Pfeffer indaga sui motivi della costante presenza di stress in ognuno di noi.

L’abuso di droghe e alcol, inoltre, associato frequentemente alla gestione di ambienti stressanti, evidenzia in modo chiaro la relazione tossica tra sostentamento e salute mentale e fisica.

Nel suo libro, Pfeffer cita una serie di studi che collegano felicità e salute. La felicità è impegnativa mentre si è in cattiva salute. Sfortunatamente, le malattie croniche, come suggerisce il loro stesso nome, impiegano anni e persino decenni a manifestarsi in disordini conclamati.

Perché le persone persistono nel fare lavori che le uccidono?

Una delle cause di un simile legame tra l’alto tasso di mortalità e il duro lavoro è certamente il divario di reddito che cresce sempre di più.

Ciò che rende tutto questo ancora più confuso, continua, è che i lavoratori sanno di soffrire.

All’interno del suo libro, Pfeffer intervista alcuni dipendenti di Amazon. Essi sono totalmente consapevoli della “struttura organizzativa caotica, delle lotte intestine politiche e di un capo difficile che non riusciranno mai a soddisfare”.

In uno dei dipendenti intervistati, una simile consapevolezza ha provocato dolori allo stomaco, mal di testa ed eruzioni cutanee. Per far fronte a questi disturbi, il lavoratore ha iniziato a mangiare in modo poco salutare e a bere alcol in maniera smodata.

Pfeffer cita l’economia come  la prima ragione per cui molte persone continuano a fare lavori che le uccidono lentamente. Tra le altre, ci sono il prestigio della compagnia, il lavoro stimolante, l’inerzia e l’orgoglio.

Lasciare un lavoro è un duro colpo per l’autostima; alcuni preferiscono “resistere” piuttosto che ammettere il fallimento, anche se nel corso degli anni sacrificano la loro salute. E quel che è peggio, è che questo processo si è normalizzato.

La soluzione

La soluzione di Pfeffer prevede un futuro in cui lo stress sul posto di lavoro viene misurato allo stesso modo dell’inquinamento, e i lavoratori fanno causa a società come l’industria del tabacco per aver creato prodotti mortali.

“I programmi di benessere [offerti dalle aziende negli Stati Uniti] sono un tentativo di rimediare agli effetti dannosi di ciò che accade sul posto di lavoro. Invece di rimediare è necessario prevenire”, ha scritto Pfeffer.

“Invece di indurti a fumare troppo, a bere troppo, a mangiare troppo, e a fare esercizio fisico a causa di ciò che accade sul posto di lavoro, e quindi di darti un programma di benessere, dovrebbero cambiare le condizioni di lavoro alla base”.

| Secondo uno studio, iniziare a lavorare prima delle 10 di mattina è una forma di tortura |

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Ti potrebbe interessare
Gossip / Franco Oppini, la confessione hot: “Il mio segreto con Ada Alberti? Facciamo l’amore otto ore al giorno”
Gossip / Gli insulti alla moglie italiana di Morata dopo la partita contro la Spagna
Gossip / “Can Yaman furioso”, “Diletta Leotta lo trattiene”: cos’è successo davvero in Turchia | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Gossip / Franco Oppini, la confessione hot: “Il mio segreto con Ada Alberti? Facciamo l’amore otto ore al giorno”
Gossip / Gli insulti alla moglie italiana di Morata dopo la partita contro la Spagna
Gossip / “Can Yaman furioso”, “Diletta Leotta lo trattiene”: cos’è successo davvero in Turchia | VIDEO
Gossip / Massimo Boldi è di nuovo innamorato, lei ha 34 anni di meno: “Mi sfugge, si ritrae”
Gossip / Amedeo Goria e la fidanzata Vera Miales: “Facciamo l’amore 5 volte al giorno”
Gossip / La compagna del virologo Pregliasco: “Totalmente contraria al fatto che vada in tv, gli dico che è un pirla”
Gossip / Jennifer Lopez e Ben Affleck di nuovo insieme: il video del bacio
Gossip / Giorgia Soleri, la fidanzata di Damiano dei Maneskin, fa coming out: “Sono bisessuale”
Costume / Kanye West e Irina Shayk stanno insieme: le foto della coppia in vacanza in Provenza
Gossip / “Me sto a sentì male”, la reazione della fidanzata di Damiano per la vittoria all’Eurovision