Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:51
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Gossip

Il mistero delle gigantesche installazioni a forma di seni a Londra: cosa c’è dietro

Immagine di copertina
Crediti: Twitter

Seni giganti invadono Londra. Il mistero di queste gigantesche installazioni non è così antico, perché risale a qualche anno fa.

Negli ultimi giorni, la capitale inglese è stata invasa da enormi seni gonfiabili che hanno catturato l’attenzione del web. Alcuni hanno gridato al “pesce d’aprile”, altri hanno ipotizzato si trattasse di un nuovo artista in città.

Collocate sui tetti dei palazzi, o semplicemente nel bel mezzo delle strade, queste installazioni a forma di seni appartengono invece alla campagna #FreeTheFeed, nata per dare supporto all’allattamento in pubblico.

La campagna è stata ideata nel 2017 da Ana Balarin e l’obiettivo, oggi come allora, è quello di vedere l’allattamento come una cosa del tutto naturale, anche se lo si fa in pubblico.

“Ho iniziato #FreeTheFeed perché bisogna eliminare ogni vergogna e ogni sessualizzazione dell’allattamento. Le persone devono accettare questo e l’utilizzo del tiralatte, perché sono una parte dell’avere un bambino piccolo, è compreso nel pacchetto!”

E ancora, quando la Balarin ha lanciato la sua campagna, ha dichiarato: “È difficile credere che nel 2017 le madri del Regno Unito ancora si sentano osservate e giudicate quando allattano in pubblico, al seno oppure tramite bottiglia. Questo è il nostro progetto per la festa della mamma. Una celebrazione del diritto di ogni donna di decidere come e dove nutrire i loro figli senza sentirsi in colpa o in imbarazzo per le loro scelte genitoriali”.

I primi seni giganti a Londra sono comparsi il 26 marzo, in concomitanza con la Festa della Mamma nel Regno Unito. La Mother London, azienda che si è occupata di realizzare le installazioni, ha scelto diverse sfumature di colore per includere ogni tipo di etnia.

“Quello che non è chiaro è che i bambini non decidono un momento in cui avere fame, e l’istinto materno/paterno di sfamare un figlio supera ogni tipo di convenzione. Ecco perché far vergognare le madri è doppiamente offensivo” ha aggiunto la Balarin.

Ti potrebbe interessare
Gossip / Stornello romano per Salvini e la fidanzata Francesca Verdini a Castel Gandolfo | VIDEO
Costume / Fedez e le “scarpe di Satana” con il sangue nella suola
Costume / Simona Ventura a TPI: “Vedo poco l’Isola dei Famosi, ho molti Webinar”
Ti potrebbe interessare
Gossip / Stornello romano per Salvini e la fidanzata Francesca Verdini a Castel Gandolfo | VIDEO
Costume / Fedez e le “scarpe di Satana” con il sangue nella suola
Costume / Simona Ventura a TPI: “Vedo poco l’Isola dei Famosi, ho molti Webinar”
Gossip / È nata Vittoria, la figlia di Chiara Ferragni e Fedez: la sua prima foto
Gossip / Belen, festa in zona rossa per la sorella Cecilia: "Alla faccia del Covid"
Costume / Fedez torna a parlare degli attacchi di panico: “Stavo per vomitare, vedevo sfocato e mi mancava il respiro”
Gossip / Arisa lasciata dal fidanzato a pochi mesi dal matrimonio
Costume / Emily Ratajkowski è diventata mamma: la prima foto del figlio Sylvester Apollo Bear
Gossip / Giulia De Lellis e i consigli per le donne: “Non mettere pigiami merd…i, sempre in ordine”. È bufera
Cinema / Lady Gaga a Roma per le riprese di “Gucci”: il nuovo look della popstar | FOTO