Covid ultime 24h
casi +13.571
deceduti +524
tamponi +279.762
terapie intensive -26

“Perché sedurle quando puoi sedarle”: lo spot choc di un locale di Roma per San Valentino

Il post ha suscitato indignazione sul web

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 6 Feb. 2019 alle 14:27 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 08:29
0
Immagine di copertina

Nonostante le numerose battaglie femministe – la più recente il #MeToo – e le notizie drammatiche che spesso hanno come protagoniste (vittime) le donne, battute sessiste non mancano mai in giro. Tra le ultime che hanno fatto discutere quella usata da un locale di Roma per farsi pubblicità in occasione del San Valentino.

“Perché sedurle quando puoi sedarle” è la frase racchiusa nel post, pubblicato su Facebook e poi rimosso, del cocktail bar Niji Roma. Un modo, forse, per risultare più convincenti e attirare più clienti possibile il 14 febbraio, nella festa dedicata agli innamorati.

Un spot che non è piaciuto a molti utenti che, nei commenti della pagina, hanno criticato aspramente la scelta. La proprietaria del café, però, ha provato a giustificare il gesto: “Siamo stati criticati per questo ‘slogan’, ma non è stato fatto con l’intenzione di mancare di rispetto alle donne”.

Elisa Bonafede, che gestisce l’attività, ha poi aggiunto: “Il Niji è un locale che accoglie ogni essere umano. Accanirsi per un post così è alquanto esagerato. Con ‘sedarle’ facciamo riferimento alla nostra arte del bere, non a casi o a persone citati in prima persona. La nostra intenzione era di strappare un sorriso senza alludere ad altro”.

Infine la proprietaria ha scritto: “Ognuno vede ciò che vuol vedere”.

LEGGI ANCHE: I paesi in cui è vietato festeggiare San Valentino e perché

La reazione dei social

Nonostante il messaggio di chiarimento da parte del cocktail bar, alcuni utenti non hanno perdonato la trovata pubblicitaria. “La frase è una vecchia, squallida battuta da soldataglia. Sono sicuro che sia stata pubblicata con un malinteso intento goliardico (certo, non per promuovere la violenza sessuale), ma eravate sulla pagina pubblica del vostro locale, non tra commilitoni in libera uscita. Bastava scusarsene e sarebbe finita lì. Rifiutare di assumersi la responsabilità delle proprie parole e rispondere a muso duro alle centinaia di critiche ricevute senza nemmeno porsi il dubbio di aver sbagliato invece è grave”, si legge tra i commenti su Facebook.

“Se la pubblicità va spiegata, vuol dire che non è ben fatta. E se la spiegazione è peggio del messaggio pubblicitario, c’è qualcosa che non va”, ha scritto un’utente. Tantissimi le risposte delle donne, tra le quali spicca: “Questa frase è vergognosa. Punto. E come spesso accade la toppa è peggio del buco”.

LEGGI ANCHE: San Valentino 2019: le frasi d’amore più belle da dedicare al vostro partner

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.