Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:51
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Gossip

“Le persone intelligenti hanno meno amici”: lo dice un’importante ricerca inglese

Immagine di copertina

“Le persone intelligenti hanno meno amici”: lo dice un’importante ricerca inglese

Tutti abbiamo bisogno di trascorrere del tempo con gli amici: viaggiare, divertirci, fare nuove scoperte. Stare in compagnia è senz’altro piacevole, oltre ad essere confortante nei momenti meno belli, quando abbiamo bisogno di una parola di conforto. Eppure non per tutti è così.

Secondo infatti un recente studio, le persone più intelligenti, o “smart” come dicono gli esperti inglesi, non avrebbero alcun beneficio dal contatto con le persone che li circondano. Anzi, questo potrebbe addirittura abbassare il loro livello di felicità.

La ricerca è stata pubblicata dal British Journal of Psychology e condotta da Satoshi Kanazawa della London School of Economics e da Norman Li della Singapore Management University, con lo scopo di individuare quelli che sono i fattori che causano la felicità, rendendo più dolce la nostra vita.

Un’indagine che è stata condotta su un campione di più di 15mila giovani, tra i 18 e i 28 anni. Lo studio dimostra appunto che se le persone mediamente o poco intelligenti sono felici stando a contatto con gli altri, stesso discorso non si può dire per quelle più intelligenti.

“Gli individui con un quoziente intellettivo più alto della media, che si trovino a frequentare con regolarità i loro amici, sono meno soddisfatti della propria vita”, spiegano gli autori dello studio. Per queste persone, più i rapporti interpersonali si diradano, più sono appagati.

La spiegazione? Sta nel nostro passato: “I nostri antenati vivevano di caccia e raccolto ed erano organizzati in piccoli gruppi di circa 150 individui. In questo contesto, avere frequenti contatti con amici o conoscenti era necessario per la sopravvivenza e la riproduzione”.

Quando i gruppi sociali sono cresciuti, le cose sono cambiate. Gli individui con un quoziente intellettivo più alto avevano meno bisogno di contare sul prossimo, per tutte quelle che erano le questioni più ingenti, come la caccia o la protezione dei piccoli.

Ripetere le stesse azioni è il segreto della felicità, lo dice la scienza

Chi disprezza i gay nasconde tendenze omosessuali: lo dice la scienza

Ti potrebbe interessare
Costume / Chi è Giorgia Soleri, la fidanzata di Damiano dei Maneskin
Costume / Damiano dei Maneskin pubblica una foto con la fidanzata Giorgia Soleri: “Dopo 4 anni si può dire?”
Gossip / Stornello romano per Salvini e la fidanzata Francesca Verdini a Castel Gandolfo | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Costume / Chi è Giorgia Soleri, la fidanzata di Damiano dei Maneskin
Costume / Damiano dei Maneskin pubblica una foto con la fidanzata Giorgia Soleri: “Dopo 4 anni si può dire?”
Gossip / Stornello romano per Salvini e la fidanzata Francesca Verdini a Castel Gandolfo | VIDEO
Costume / Fedez e le “scarpe di Satana” con il sangue nella suola
Costume / Simona Ventura a TPI: “Vedo poco l’Isola dei Famosi, ho molti Webinar”
Gossip / È nata Vittoria, la figlia di Chiara Ferragni e Fedez: la sua prima foto
Gossip / Belen, festa in zona rossa per la sorella Cecilia: "Alla faccia del Covid"
Costume / Fedez torna a parlare degli attacchi di panico: “Stavo per vomitare, vedevo sfocato e mi mancava il respiro”
Gossip / Arisa lasciata dal fidanzato a pochi mesi dal matrimonio
Costume / Emily Ratajkowski è diventata mamma: la prima foto del figlio Sylvester Apollo Bear