Me

Arrivano gli “occhiali periscopio” per migliorare la visuale alle persone basse

Di Francesca Ceccarelli
Pubblicato il 12 Giu. 2019 alle 13:31 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:33
Immagine di copertina
Credit: www.dominicwilcox.com

Occhiali persone basse 

Riuscire a trovare davanti a sé la persona più alta in qualsiasi luogo pubblico ci si trovi è una qualità e molto spesso una maledizione, soprattutto se un’altezza non proprio statuaria limita la visibilità. Che sia un concerto o un convegno il rischio è sempre dietro l’angolo. Forse, però, una soluzione c’è: arrivano gli occhiali-periscopio dedicati proprio alle persone basse.

occhiali periscopio persone basse
Credit: www.dominicwilcox.com

L’idea geniale è venuta a Dominic Wilcox durante un concerto a Londra dove ha notato una certa difficoltà nelle persone basse a godere dello show. Si trovava in piedi in fondo alla location e ha notato una donna un po’ bassa che ballava dietro di lui ma che chiaramente non poteva vedere la band a causa di tutte le persone alte intorno a lei.

Gli occhiali Periscope One Foot Taller  sono un dispositivo con le sembianze di periscopio che consente a chi lo indossa di vedere “un piede più alto” (30,5 cm) rispetto alla normale altezza degli occhi dal suolo.

Occhiali persone basse | La bozza del progetto

occhiali periscopio persone basse
Credit: www.dominicwilcox.com

I materiali che Dominic ha usato per creare i suoi occhiali-periscopio sono una lastra di plastica specchiata scaldata molto attentamente in modo da piegare le varie parti con la giusta angolazione e riflettere la luce dall’alto e far arrivare l’immagine agli occhi.

Ma la fantasia di Dominic è ricca: a lui si devono altre fantastiche invenzioni come una giacca con segnalatori di direzione, una vaschetta per il ghiaccio che fa anche da sottoscarpa per la neve, delle cuffie speciali che consentono di ascoltare i suoni della città, un sasso placcato in oro da far rimbalzare sull’acqua, un amplificatore di rumori di pancia o delle scarpe con GPS che ti guidano a destinazione.

Tinder lancia la “Modalità festival” per trovare l’anima gemella anche ai concerti

Insegniamo l’empatia nelle scuole italiane (come avviene in Danimarca)