Moschino ha realizzato dei vestiti con la spazzatura, e vuole farli pagare 600 euro

La collezione era stata presentata a febbraio e sembrava eco-friendly, ma ora che i vestiti sono stati messi in vendita le perplessità sono aumentate notevolmente

Di Emma Zannini
Pubblicato il 7 Nov. 2017 alle 17:19 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 19:38
0
Immagine di copertina

A febbraio la casa di moda italiana Moschino aveva lanciato in passerella l’innovativa collezione autunno-inverno 2017-2018, interamente ispirata ai rifiuti, utilizzati anche come materiali con cui erano realizzati gli abiti. Se durante la Fashion Week milanese aveva destato interesse il messaggio eco-friendly lanciato attraverso questa particolare collezione, ora che i vestiti sono stati effettivamente messi in vendita, le perplessità sono aumentate notevolmente.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Si tratta di abiti realizzati con borse di plastica, calzini, fazzoletti, scatole di cartone, disegnati dallo stilista Jeremy Scott, e attualmente sul mercato. Molte persone hanno però contestato i prezzi, ritenuti esageratamente esosi rispetto a ciò che i vestiti sembrano e sono: spazzatura, nel senso concreto del termine.

Il New York Post ha preso a cuore la questione e si è scagliato contro un paio di pezzi della collezione, in particolare il vestito che il giornale ha definito “il sacchetto della pulitura a secco”, mettendone in luce il costo considerato scandaloso di più di 700 dollari (oltre 600 euro).

Credit: Browns

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

L’abito in questione è essenzialmente una sorta di imballaggio trasparente in poliestere, da mettere sopra ad un qualsiasi capo di abbigliamento, esattamente uguale a quello con cui vengono avvolti i vestiti puliti nelle puliture a secco. La scritta sopra al vestito, ad altezza spalle, dice: “noi amiamo i nostri clienti”, mentre lungo l’abito si legge la frase: “ritiro e consegna gratuiti”.

C’è anche chi si è chiesto come sia possibile lavare un vestito di questo genere.

In ogni caso, per molti commentatori si tratta dell’ennesima provocazione proveniente dal mondo della moda: non resta che aspettare e vedere come andranno le vendite.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.