Covid ultime 24h
casi +25.853
deceduti +722
tamponi +230.007
terapie intensive +32

Gucci ha ritirato un maglione da 780 euro. Ecco perché

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 7 Feb. 2019 alle 18:41 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 08:29
0
Immagine di copertina

Un maglione Gucci ritirato dal mercato

Gucci ha ritirato un maglione dai suoi negozi dopo che gli utenti hanno lanciato insulti di ogni tipo, dicendo che “il capo d’abbigliamento somiglia a Blackface”.

La maglia da 890 dollari, parte della collezione autunno-inverno 2018, copre la metà inferiore del viso e ha una bocca tagliata con grandi labbra rosse.

Mercoledì, gli utenti di Twitter e Instagram hanno postato le foto. E una pioggia di critiche.

Una persona ha twittato: “Blackface ha cucito la maglia da Gucci sottopagata. Buon mese di storia nera”.

Mercoledì sera, il marchio italiano si è scusato e ha detto che la maglia sarebbe stato rimosso dal sito web.

“Consideriamo la diversità un valore fondamentale per essere pienamente sostenuti, rispettati e in prima linea in ogni decisione che prendiamo. Siamo pienamente impegnati ad aumentare la diversità in tutta la nostra organizzazione” ha dichiarato la casa di moda.

Gucci ha detto che avrebbe trasformato l’incidente “in un potente momento di apprendimento per il team”, aggiungendo che era “pienamente impegnato a parlare di diversità”.

La faccia nera è l’ultima di una serie di incidenti legati al trattamento del tema “razza” che coinvolgono marchi di lusso.

A dicembre, Prada ha ritirato diversi articoli per timore che anch’essi raffigurassero la faccia nera. Il marchio ha fatto fuori una serie di portachiavi dalla linea Pradamalia che sembrava somigliare a scimmie nere con labbra rosse esagerate.

A novembre, Dolce & Gabbana hanno dovuto annullare una sfilata a Shanghai dopo le accuse di razzismo. Alla vigilia dell’evento l’etichetta aveva pubblicato un video promozionale con un modello cinese che mangiava cibi italiani come pizza e pasta con le bacchette. L’immagine ha provocato un contraccolpo in Cina e diversi rivenditori hanno ritirato i prodotti dai loro negozi.

Il razzismo si nasconde veramente tra i vestiti, o si sta esagerando?

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.