Covid ultime 24h
casi +13.571
deceduti +524
tamponi +279.762
terapie intensive -26

“Se è vero che con Vittorio Sgarbi abbiamo fatto l’amore? È uno dei pochi che lo dice”: le rivelazioni hot di Eva Robin’s

Di TPI
Pubblicato il 26 Feb. 2019 alle 11:30 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 03:52
0
Immagine di copertina

Il suo nome è Roberto Maurizio Coatti ma è più conosciuto come Eva Robin’s: l’attrice, cantante e personaggio televisivo ha rilasciato una piccola intervista a I lunatici su Rai Radio 2 in cui ha rivelato anche dei particolari piuttosto hot riguardanti Vittorio Sgarbi.

“Se è vero che con Vittorio Sgarbi abbiamo fatto l’amore?” Questo è quello che dice sempre lui. È uno dei pochi che lo dice. Tutti gli altri invece buttano il sasso e nascondono la mano.Se mi sono pentita? No, sono incontri fondamentali in un certo senso. La prima volta che ho incontrato uno Sgarbi era la sorella. Mi aveva proposto di fare un libro. Poi dopo ho conosciuto lui…”. Ha infatti rivelato l’icona di trasgressione degli anni Ottanta a proposito del critico d’arte e politico molto noto per i suoi “show” durante le ospitate televisive e per le sue dichiarazioni particolarmente “vivaci”.

I giornalisti di Radio 2 hanno voluto anche indagare su chi sia diventata oggi Eva Robin’s che, nata con sesso maschile, ha deciso di vivere come una donna: “Non è più quel cucciolo che cercava di farsi forza e che era in realtà lo scudo di Roberto. Oggi sono più matura, più schermata. Vivo un periodo piacevole”, ha affermato l’attrice.

In quanto all’ambiguità, sostiene che sia stata “un’arma a doppio taglio”. “E poi non mi ritengo ambigua – ha poi aggiunto – io ho sempre spiattellato tutto, anche oltre. La stampa è stata ambigua, quando scriveva che io ero un ermafrodito. Le uniche labbra che ho sono quelle della mia bocca“.

“Il periodo più brutto in assoluto è stato quello in cui ho fatto l’esperienza con Boncompagni“, ha poi raccontato Roberto ricordando quando l’autore e regista televisivo gli aveva proposto di condurre la trasmissione preserale di Italia 1 Primadonna. “Lui era un grande – ha spiegato – ma io non ero pronta per tutta quella esposizione. Uomo o donna, donna o uomo, la stampa scriveva sempre cose velenose, non riuscivo a dormire, l’ho vissuto malissimo. È stato il massimo periodo di esposizione artistica, ma il più brutto della mia carriera. Il programma naufragò, anche per mio volere, ma a quel punto è nata una nuova vita.

In quanto invece all’argomento più discusso degli ultimi tempi: “Molestie? Con grande rimpianto non ne ho mai subite”, è stata infine la risposta provocatoria di Eva, la quale ha anche ricordato che la sua carriera iniziò grazie a Roberto Granata e alle sue foto che le scattò in Sardegna quando era completamente nuda.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.