Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Gossip

Perché nel logo di Google ci sono degli apparenti errori di design

Immagine di copertina

Alcuni utenti e grafici hanno notato due gravi difetti della nuova G: la mancanza di simmetria e lo spessore variabile del disegno. Ma per questi errori c'è una motivazione

Il primo settembre del 2015 Google cambiava dopo anni il design del suo logo.

La società di Mountain View lo aveva fatto per introdurre “un nuovo linguaggio visivo”, ma anche dare agli utenti un logo che fosse più visibile e pratico dagli smartphone.

Come dichiarato in fase di presentazione, il nuovo logo “non vi dice semplicemente che state utilizzando Google, ma vi mostra anche in che modo Google sta lavorando per voi. Per esempio, nuovi elementi come un microfono colorato vi aiutano a capire come interagire con Google, che stiate parlando, digitando o toccando lo schermo”.

Sono passati quindi due anni da quando la piccola G è stata sostituita.

Da allora i perfezionisti di internet hanno più volte sottolineato diverse imperfezioni del nuovo logo.

Nonostante le migliaia di tecnici e ingegneri impiegati dall’azienda, alcuni utenti e grafici hanno notato due irregolarità della nuova G, da loro considerati gravi difetti: la mancanza di simmetria e lo spessore variabile del disegno.

  • Asimmetria. I contorni della prima lettera del logo non sono in linea né con il cerchio inscritto alla G né con quello circoscritto alla G.

Le imperfezioni geometriche del logo Google secondo alcuni designer. Credit: r/mildlyinfuriatingIt
Le imperfezioni geometriche del logo Google secondo alcuni designer. Credit: r/mildlyinfuriatingIt
Le imprecisioni geometriche del logo Google
  • Lo spessore variabile della lettera. I tratti che compongono la lettera non sono solo di colore diverso, ma anche di misura diversa.

Il differente spessore del logo Google evidenziato da alcuni grafici

I difetti in realtà sono frutto di una precisa strategia di marketing, elaborata appunto in occasione del restyling del logo del 2015.

“Abbiamo voluto mantenere l’immagine amichevole e accessibile che Google ha sempre avuto, combinando la purezza matematica delle forme geometriche con la semplicità infantile della grafia di un libro di scuola elementare”, scrivo gli ingegneri Google.

Inoltre, come detto il fase di presentazione, “il nuovo logo è stato a lungo testato per ottenere la massima leggibilità in tutti i contesti digitali”.

Errori “voluti” logo Google
Il logo semplice e personale di Google
Ti potrebbe interessare
Gossip / Massimo Boldi è di nuovo innamorato, lei ha 34 anni di meno: “Mi sfugge, si ritrae”
Gossip / Amedeo Goria e la fidanzata Vera Miales: “Facciamo l’amore 5 volte al giorno”
Gossip / La compagna del virologo Pregliasco: “Totalmente contraria al fatto che vada in tv, gli dico che è un pirla”
Ti potrebbe interessare
Gossip / Massimo Boldi è di nuovo innamorato, lei ha 34 anni di meno: “Mi sfugge, si ritrae”
Gossip / Amedeo Goria e la fidanzata Vera Miales: “Facciamo l’amore 5 volte al giorno”
Gossip / La compagna del virologo Pregliasco: “Totalmente contraria al fatto che vada in tv, gli dico che è un pirla”
Gossip / Jennifer Lopez e Ben Affleck di nuovo insieme: il video del bacio
Gossip / Giorgia Soleri, la fidanzata di Damiano dei Maneskin, fa coming out: “Sono bisessuale”
Costume / Kanye West e Irina Shayk stanno insieme: le foto della coppia in vacanza in Provenza
Gossip / “Me sto a sentì male”, la reazione della fidanzata di Damiano per la vittoria all’Eurovision
Gossip / Chef della Prova del Cuoco fa coming out: “Ora sono Chloe, donna transgender”
Costume / Chi è Giorgia Soleri, la fidanzata di Damiano dei Maneskin
Costume / Damiano dei Maneskin pubblica una foto con la fidanzata Giorgia Soleri: “Dopo 4 anni si può dire?”