Le femministe sono offese con il Dalai Lama per aver rilasciato un commento sessista

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 4 Lug. 2019 alle 09:46 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:22
0
Immagine di copertina

Le donne si sentono offese dal Dalai Lama. 

In una lunga intervista concessa all’emittente britannica BBC, il monaco tibetano ha parlato di diversi temi controversi, tra cui anche quello della questione femminile.

E alla giornalista che gli ha domandato “santità, la sua prossima reincarnazione potrebbe essere una donna?”, ha risposto “Sì, ma dovrebbe essere più che attraente, altrimenti la gente non vorrebbe vedere la sua faccia”.

“La vera bellezza è quella interna, è vero, ma siamo esseri umani. Penso che anche le apparenze contino”, ha continuato il monaco e premio Nobel per la pace.

Le sue parole hanno spiazzato Rajini Vaidyanathan, la reporter che l’ha intervistato. “È stato il momento più sorprendente dell’intervista”, scrive Vaidyanathan su Twitter.

Commento

Ma come, per il buddismo la bellezza non dovrebbe trovarsi nello spirito?

Parte la raffica di critiche e insulti sui social, soprattutto da parte delle femministe.

L’editorialista del Guardian Jessica Villa scrive di voler addirittura cancellare il Dalai Lama da Twitter.

“Dover pensare che anche il Dalai Lama pronuncia questo tipo di commenti e’ proprio tipico nel 2019”, scrive la giornalista britannica.

“È l’ulteriore prova del fatto che la misoginia è la più insidiosa forma di violenza umana della storia dell’uomo”, scrive qualcuno a commento del post di Jessica Villa sul social.

Commenti

Ma non tutte le donne si sentono offese

Qualcuna difende la dichiarazione del leader spirituale dei buddisti tibetani, che sarebbe stata mal interpretata.

“Questo non corrisponde a quello che il Dalai Lama pensa davvero delle donne. Il Dalai Lama ci sta semplicemente avvisando che dobbiamo stare attente al nostro aspetto fisico se vogliamo essere credibili e prese in considerazione per ruoli importanti come il suo”, commenta un’altra persona sul social.

Il monaco stesso si è scusato. Il suo portavoce ha fatto sapere in una nota che il leader “non voleva offendere nessuno”.

“Capita che a volte commenti che potrebbero essere divertenti in un certo contesto culturale, perdano il loro umorismo nella traduzione quando trasferiti in un altro contesto. Il Dalai Lama si scusa dunque delle offese che può aver provocato”, si legge ancora nella nota.

Il Dalai Lama sui migranti: “L’Europa non può essere né musulmana né africana, appartiene agli europei”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.