Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Gossip

Alfonso Cuarón ha criticato Netflix per aver inserito i sottotitoli in castigliano al film “Roma”

Immagine di copertina

La lingua originale della pellicola, vincitrice di un Golden Globe, è lo spagnolo "messicano"

In attesa di scoprire se Roma – la pellicola Leone d’oro alla Mostra del cinema di Venezia 2018 – sarà candidato o meno agli Oscar, il regista Alfonso Cuarón se la prende con Netflix, l’azienda che lo ha distribuito. Il colosso di Reed Hastings ha offerto la possibilità agli utenti di inserire i sottotitoli in castigliano alla versione del film disponibile in Spagna: una scelta non apprezzata dal regista messicano, visto che la lingua ufficiale di Roma è lo spagnolo “messicano”, per certi versi diverso ma non incomprensibile agli spagnoli europei.

Il film, nel catalogo Netflix, non è stato doppiato in nessuna parte del mondo. Gli utenti, dunque, possono decidere se e quali sottotitoli leggere durante la visione della pellicola. Sono sempre presenti, invece, quelli che traducono il mixteco, lingua dello stato messicano dell’Oaxaca.

La decisione dell’azienda – che ha subito provveduto a rimuovere i sottotitoli in questione e al loro posto ha inserito quelli in spagnolo messicano – per  Cuarón è stata “provinciale, ignorante e offensiva per gli stessi spagnoli”. Anche perché le differenze tra lo spagnolo che si parla in Spagna (il castigliano, ma non solo) e quello in Messico non sono molto marcate sia a livello lessicale che fonetico: alcune parole sostituite sono state, ad esempio, “mamá” tradotta in “madre” e “enojarse” cambiata in “enfadarse”.

Oltre al cineasta altre personalità, del mondo dello spettacolo e non, hanno protestato contro Netflix. Di conseguenza nella maggior parte dei cinema in Spagna il film viene proiettato senza i sottotitoli in castigliano.

Non è la prima volta, comunque, che la piattaforma di streaming agisca in questo modo: era giù successo con la pellicola peruviana Soltera codiciada. Stesso discorso vale per le sale cinematografiche in Spagna: un altro film messicano, Amores perros, era stato distribuito con i sottotitoli spagnoli.

Ti potrebbe interessare
Gossip / La Royal Family ha inviato a Harry e Meghan messaggi segreti: ecco quali
Gossip / Chanel Totti e il messaggio criptico per mamma Ilary: “Prima di tutto”
Gossip / Love story tra Flavio Briatore e Barbara D’urso? La risposta dell’imprenditore
Ti potrebbe interessare
Gossip / La Royal Family ha inviato a Harry e Meghan messaggi segreti: ecco quali
Gossip / Chanel Totti e il messaggio criptico per mamma Ilary: “Prima di tutto”
Gossip / Love story tra Flavio Briatore e Barbara D’urso? La risposta dell’imprenditore
Gossip / Lo stratagemma della modella di Onlyfans per portare gli alcolici ai concerti: “Nascondo le bottiglie nel mio fondoschiena”
Gossip / Pasqualino Maione, l’ex concorrente di Amici sta male: “Infezione al midollo e al cervello”
Gossip / Noemi Bocchi è incinta di Totti? Alex Nuccetelli rivela: “Le cose tra loro vanno benissimo”
Gossip / Il selfie di Piqué che zittisce Shakira: la foto virale
Gossip / Diletta Leotta, i fan impazziscono per il suo outfit in radio
Gossip / Aurora Ramazzotti criticata per l’outfit scelto al compleanno di Michelle Hunziker: “Poteva coprirsi”
Gossip / Carlo Verdone e Corinna stanno insieme? Paparazzati di nuovo insieme