A Sanremo arriva la escort Alessia Nobile: “Ho già l’agenda piena. Mi faccio i cantanti e mi farei anche Di Maio”

Le dichiarazioni della barese in un'intervista a Radio 24

Di TPI
Pubblicato il 10 Feb. 2019 alle 00:00 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 08:28
0
Immagine di copertina
Alessia Nobile

Alessia Nobile, trans escort come lei stessa si definisce, è entusiasta della 69esima edizione del Festival di Sanremo. E lo ha detto ai microfoni de La Zanzara – il programma in onda su Radio 24 condotto da Giuseppe Cruciani e David Parenzo – il 31 gennaio 2019. “Sono superpronta e molto grintosa, perché domenica (3 febbraio, ndr) parto per Sanremo dove gareggerò ma con delle canzoni colorate e con un altro microfono: quello di carne”.

> QUI LA NOSTRA DIRETTA DEL FESTIVAL DI SANREMO

> QUI LA DIRETTA DELLA FINALE DEL FESTIVAL

La donna, originaria di Bari, ha raccontato quali sarebbero le sue intenzioni in vista dell’evento musicale. “Ci vado con tre valigie. Ci sono stata anche lo scorso anno e due valigie furono poche. A Sanremo la settimana prossima ci sarà il mondo e io voglio spennare tutti, li voglio tutti per me. Ho già tante richieste, mi hanno ricontattato quelli del 2018: spaziano da persone che vengono per gli eventi ai cantanti, di tutto e di più”.

Alla domanda su quali sarebbero le sue tariffe, Nobile ha risposto: “C’è il coupon con lo sconto del 20 per cento per quelli che lavorano al Festival. Il rapporto base, invece, costa 100 euro e si tratta del classico Abc”.

Poi ha aggiunto: “Io sono attiva, quindi il rapporto è attivo e dura in media mezzora. I clienti sono più passivi. Per tutti gli altri giochetti e giochini particolari, come giochi di ruolo, cose fetish o sado-soft, si va a salire”. Nobile ha tenuto a precisare: “Non ho mai preso pasticche, solo uovo sbattuto due volte al giorno. Sono molto naturale”.

Nonostante la sua professione, la donna ha confessato di essere cattolica e di andare a messa: “È una cosa normalissima. Fare la escort è la condizione imposta dalla società. Se non danno lavoro alle trans, o muori di fame o fai questo. Ho provato a fare altre cose, ho mandato tanti curricula in giro. Ovviamente sono stata rimbalzata. Per fare la barista, la commessa e l’assistente sociale, visto che ho la laurea in Scienze sociali”.

Infine ha svelato un suo desiderio: “Mi piacerebbe candidarmi al Parlamento. E i Cinque Stelle sono simpatici. Ma a me piace tanto Luigi Di Maio. Me lo farei, detto sinceramente”. E sulla scelte di Matteo Salvini in tema di immigrazione ha affermato: “I papponi sono quelli che favoriscono il mercato degli immigrati perché ci guadagnano a spese dei migranti. Vanno aiutati a distanza senza farli arrivare qui a ciondolare”.

LEGGI ANCHE: Sanremo 2019: tutte le 24 canzoni scelte da Baglioni per il suo Festival

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.