Gli scatti erotici del grande fotografo Helmut Newton

La potente carica erotica e feticista dei suoi scatti nel Novecento scandalizzò il mondo intero e fu il motivo del suo soprannome “il re della perversione”

Di Camilla Palladino
Pubblicato il 17 Apr. 2018 alle 11:32 Aggiornato il 17 Apr. 2018 alle 12:00
0

Gli scatti erotici del celebre fotografo Helmut Newton | Chi era Helmut Newton

Gli scatti erotici del celebre fotografo Helmut Newton

Helmut Newton è stato un fotografo tedesco naturalizzato australiano, famoso in particolare per i suoi studi sul nudo femminile. I suoi scatti, infatti, vennero largamente imitati per la loro capacità di esprimere la potente carica erotica che li caratterizzava.

Le fotografie di Newton furono, nel corso del Novecento, uno dei pilastri della rivista Vogue, una delle più prestigiose e autorevoli riviste del mondo della moda dal 1892 fino ad oggi.

Il suo stile, volutamente eccessivo e vizioso, lo consacrò parte come fotografo geniale, visionario, rivoluzionario e progressista, permettendogli di fotografare icone pop di fama mondiale come la cantante Madonna e la modella Twiggy.

Dall’altra parte, però, venne spesso additato come maschilista e violento, professionista con poco rispetto nei confronti della donna e del nudo femminile.

In effetti, oltre alla forte carica erotica, le sue foto rappresentavano anche pratiche BDSM (pratiche erotiche che si basano sulla condivisione di fantasie fondate sul dolore, il disequilibrio di potere e l’umiliazione tra due o più partner adulti e consenzienti).

I suoi scatti erotici e feticisti all’epoca scandalizzarono il mondo intero. Non a caso, infatti, venne soprannominato “il re della perversione”.

Chi era Helmut Newton

Helmut Newton, pseudonimo di Helmut Neustädter, nacque a Berlino il 31 ottobre 1920, e morì, 84 anni dopo, a West Hollywood, il 23 gennaio 2004.

La famiglia Neustädter era benestante, ma quando aveva circa otto anni, suo fratello cominciò a mostrargli i quartieri poveri di Berlino.

I bassifondi tedeschi, abitati da prostitute vestite con stivali alti e frustino, furono il primo ambiente in cui Newton entrò a contatto con la nudità femminile e sensuale.

Lo stesso Newton raccontò in seguito la scena che gli fece amare per la prima volta l’erotismo femminile: “avevo gli occhi fuori dalle orbite”, disse.

A 12 anni risparmiò per riuscire a comprarsi da solo la sua prima macchina fotografica. Qualche anno più tardi decise di viaggiare per il mondo e diventare un famoso reporter.

“Nel 1936 si mise d’accordo con la scuola per farsi cacciare, essendo ritenuto uno studente senza speranza”, raccontò Newton, che con l’aiuto di sua madre cominciò a lavorare come apprendista per una fotografa di moda e di ritratti.

Il fotografo, poi, una volta giunto all’apice del suo successo, ricordò la frase profetica che gli rivolse il padre quando scoprì quale professione aveva scelto Helmut: “Figlio mio, finirai nei bassifondi”.

| Versace, Wahrol, Dalì: gli scatti erotici e provocatori del “fotografo delle celebrità” |

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.