Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Alti ufficiali dell’esercito faranno parte del gabinetto del nuovo presidente dello Zimbabwe

Immagine di copertina
Credit: Afp

I membri dell'opposizione hanno criticato il nuovo esecutivo, considerato un tradimento nei confronti delle speranze del popolo che pochi giorni fa aveva festeggiato le dimissioni di Robert Mugabe

Il nuovo presidente dello Zimbabwe, Emmerson Mnangagwa, ha nominato i membri del suo gabinetto, selezionando figure militari di alto livello per le posizioni più importanti.

Tra questi vi sono Sibusiso Moyo, nuovo ministro degli Esteri, e l’attuale capo dell’aviazione dello Zimbabwe, Perence Shiri, nominato ministro dell’Agricoltura.

I cittadini zimbabwani che si aspettavano una rivoluzione nella politica nazionale sono rimasti delusi. Infatti molti personaggi di spicco del governo di Mnangagwa, tra i quali il ministro delle Finanze Patrick Chinamasa, avevano già lavorato al fianco del suo predecessore Robert Mugabe.

LEGGI ANCHE: Chi è Mnangagwa, il “coccodrillo” che è diventato presidente dello Zimbabwe

I membri dell’opposizione hanno criticato il nuovo esecutivo, considerato un tradimento nei confronti delle speranze del popolo che pochi giorni fa aveva festeggiato le dimissioni del 93enne Mugabe, che era al potere dal 1980.

Le scelte di Mnangagwa, sempre secondo l’opposizione, rappresenterebbero una prova del fatto che il potere politico nello Zimbabwe resta ancora una prerogativa delle forze di sicurezza.

Venerdì 24 novembre Emmerson Mnangagwa, ex vicepresidente del governo Mugabe, ha prestato giuramento come nuovo presidente.

L’estromissione di Mnangagwa da parte dell’ex presidente Robert Mugabe, all’inizio di novembre, ha provocato un’ondata di proteste e la presa di potere dell’esercito nel paese dell’Africa meridionale. I militari hanno negato che si sia trattato di un colpo di stato, dicendo che fosse piuttosto una “transizione pacifica di potere”.

L’esercito e il partito di maggioranza Zanu-PF hanno raggiunto un accordo con il presidente, che ha rassegnato le sue dimissioni in cambio della garanzia di immunità.

Lo scontro tra Mugabe e parte del suo stesso partito è stato innescato dalla lotta per la successione al presidente 93enne, che ha visto contrapporsi la moglie di Mugabe, Grace, a Emmerson Mnangagwa.

LEGGI ANCHE: Chi è Robert Mugabe, il presidente dello Zimbabwe che si paragona a Gesù e a Hitler

Ti potrebbe interessare
Esteri / Hong Kong: dopo gli arresti chiude l’Apple Daily, principale quotidiano pro-democrazia
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Ti potrebbe interessare
Esteri / Hong Kong: dopo gli arresti chiude l’Apple Daily, principale quotidiano pro-democrazia
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom