Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Tre giornalisti di Al Jazeera potrebbero essere stati rapiti in Yemen

Immagine di copertina

Lo ha riferito l'emittente del Qatar. I tre non risultano raggiungibili da giorni

Tre giornalisti di al-Jazeera Arabic sarebbero stati rapiti in Yemen. Secondo quanto riferito dal network di Doha, il corrispondente Hamdi al-Bokari e la sua troupe, Abdulaziz al-Sabri e Moneer al-Sabai, sono stati visti l’ultima volta lunedì 18 gennaio nella città di Taiz, nel sud-ovest del paese.

Il direttore pro-tempore di al-Jazeera Media Network, Mostefa Souag, ha reso noto che la troupe stava coprendo l’assedio di Taiz e il costo umano del conflitto. “I nostri colleghi stavano semplicemente facendo il loro lavoro di reporter, raccontando la storia e informando il mondo di quello che sta succedendo in Yemen”, ha dichiarato Souag.

In Yemen sono ormai oltre 6mila i civili rimasti uccisi nel corso del conflitto che vede una coalizione militare guidata dall’Arabia Saudita opporsi ai ribelli sciiti Houthi, che contendono al presidente Abd Rabbo Mansour Hadi il controllo del paese.

Al-Jazeera ha fatto appello per il rilascio immediato e incondizionato degli ostaggi. “Al-Jazeera ritiene i rapitori responsabili della loro incolumità e sicurezza”, ha aggiunto Souag.

Nel corso del lavoro di copertura sui conflitti nella regione mediorientali e sulle primavere arabe, diversi giornalisti dell’emittente del Qatar sono stati rapiti e alcuni sono rimasti uccisi. Nel dicembre del 2015, un operatore video era morto in seguito alle ferite da arma da fuoco riportate mentre lavorava nella provincia di Homs, in Siria.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa