Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:47
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Un settimanale polacco ha ritratto i leader dell’Ue come generali nazisti

Immagine di copertina

Queste persone vogliono controllare la Polonia di nuovo, si legge sulla copertina del settimanale. La reazione indignata dei rappresentanti europei

Il Wprost, un settimanale polacco di attualità, ha pubblicato sulla copertina del numero di ieri, 11 gennaio 2016, una foto in cui tutti i maggiori rappresentanti dell’Ue vengono ritratti con indosso uniformi naziste.

Tra questi c’è anche la cancelliera tedesca Angela Merkel, oltre a Martin Schulz, presidente del Parlamento europeo, e Jean-Claude Juncker, il presidente della Commissione europea.

“Queste persone vogliono controllare la Polonia di nuovo”, si legge sulla copertina del settimanale.

Guy Verhofstadt, ex primo ministro del Belgio, ha commentato la foto sulla sua pagina Facebook, definendola “oltraggiosa”.

Lo stesso Verhofstadt ha afferamto che l’Unione Europea è una comunità basata su dei valori precisi e che “il nostro compito – commissionari, cancellieri e non – è quello di alzare la voce quando un governo mette in discussione questi principi attaccando le istituzioni democratiche”.

Le cause della pubblicazione sono ricollegabili alle numerose critiche e accuse portate avanti dal presidente del Parlamento europeo Martin Schulz e dal commissario europeo Günther Oettinger – entrambi tedeschi – nei confronti del partito conservatore, cattolico ed euro-scettico di Diritto e Giustizia, salito al governo in Polonia nell’ottobre 2015.

Il partito ha da subito tentato di rafforzare il controllo del governo sulla corte costituzionale e sui media, scatenando la reazione della commissione europea che aveva visto minacciati i valori della libertà mediatica.

Per rispondere alle accuse, la Polonia ha avvertito l’Unione europea di non interferire e il ministro della Difesa Antoni Macierewicz ha ribadito che la Polonia non accetta nessun tipo di insegnamento da parte della Germania su libertà e democrazia.

Zbigniew Ziobro, ministro della Giustizia polacco, invece ha risposto con una lettera aperta al commissario europeo Oettinger in cui faceva riferimento alla Seconda guerra Mondiale e all’occupazione delle truppe naziste dei territori della Polonia. 


Ti potrebbe interessare
Esteri / Irlanda, l’etichetta sul vino “nuoce alla salute” arriverà in 2-3 mesi
Esteri / Voleva uccidere la regina Elisabetta, si dichiara colpevole di tradimento
Esteri / È morto lo stilista spagnolo Paco Rabanne: aveva 88 anni
Ti potrebbe interessare
Esteri / Irlanda, l’etichetta sul vino “nuoce alla salute” arriverà in 2-3 mesi
Esteri / Voleva uccidere la regina Elisabetta, si dichiara colpevole di tradimento
Esteri / È morto lo stilista spagnolo Paco Rabanne: aveva 88 anni
Esteri / Putin e la velata minaccia nucleare: “Chi pensa di vincere contro di noi si sbaglia. Non useremo solo mezzi blindati”
Esteri / Ucraina, nascondeva un milione di dollari nel divano letto: ex viceministro della Difesa indagato
Esteri / Pallone spia cinese avvistato in spazio aereo Usa
Esteri / Ragazza di 18 anni trovata morta in un bosco: era scomparsa dopo aver litigato con un uomo
Esteri / Tel Aviv, genitori abbandonano neonato al check-in dell’aeroporto perché non avevano il suo biglietto
Esteri / Singapore, uomo fa causa a una donna perché non vuole uscire con lui: “Mi ha rovinato la reputazione”
Esteri / L’illustratrice iraniana a TPI: “Le proteste sono il fallimento culturale e sociale della repubblica islamica”