Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:49
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il viso di un bambino prima e dopo un bombardamento in Siria

Immagine di copertina

Un filmato della Bbc mostra la vita del piccolo colpito da un raid aereo nel 2018

Il volto di un bambino distrutto da un bombardamento in Siria

Un filmato diffuso dalla Bbc mostra il volto di un bambino di 4 anni prima e dopo essere stato vittima di un bombardamento in Siria.

Juma ha quattro anni, è di origine curda e prima della guerra viveva insieme ai genitori in un’area rurale a nord della Siria.

Nel 2018 stava cercando di lasciare il Paese con la famiglia in autobus, ma proprio quel giorno sono stati colpiti da un bombardamento aereo.

La finestra dell’autobus accanto cui Juma era seduto è esplosa e ha completamente distrutto il suo volto.

La reporter della Bbc che l’ha incontrato in Libano, dove adesso vive, racconta nel filmato di come il suo viso a volte sanguini ancora. Succede anche che schegge di vetro fuoriescono dal volto del bambino distrutto dal bombardamento in Siria.

In Libano, Juma e i suoi genitori vivono in un’area molto povera di Beirut, tutti insieme in una piccola stanza, come fanno molti altri siriani che hanno trovato rifugio nel Paese: circa un milione e mezzo secondo le Nazioni Unite.

Parlano solo curdo e dipendono da una traduttrice che li aiuta a comunicare in arabo con le altre persone. La donna sta aiutando la famiglia di Juma a richiedere asilo in Europa, ma come tanti altri rifugiati dovranno attendere a lungo prima di ricevere una risposta.

“Quello che mi colpisce non sono solo le ferite sul viso, ma il trauma psicologico che hanno subito”, racconta nel video la giornalista dell’emittente britannico.

“Non riescono a dormire e hanno vuoti di memoria”, continua la donna, che racconta anche di come Juma fosse molto incuriosito e attratto dalla telecamera.

“Anche se ha perso l’uso della vista, gli altri sensi si stanno sviluppando benissimo”, racconta la reporter.

“Appena lo vedi rimani sconvolto, ma immediatamente riesci a conoscerlo per quello che è. Ha quattro anni ma è curioso del mondo e adorato dai suoi genitori. ”

Nel filmato  Juma sbuccia una banana anche se non può vedere nulla. Durante il bombardamento suo padre ha perso quasi tutte le dita dei piedi: adesso ne ha solo due.

A che punto è la guerra in Siria dopo la sconfitta dello Stato islamico
Ti potrebbe interessare
Esteri / Proteste in Iran, la denuncia dei medici: “Le donne vengono colpite al volto, al seno e ai genitali”
Esteri / L’Europa si appresta a varare le regole sull’idrogeno verde: ecco perché le lobby sono già in agitazione
Esteri / Libera la cestista statunitense Brittney Griner: scambio di prigionieri con la Russia
Ti potrebbe interessare
Esteri / Proteste in Iran, la denuncia dei medici: “Le donne vengono colpite al volto, al seno e ai genitali”
Esteri / L’Europa si appresta a varare le regole sull’idrogeno verde: ecco perché le lobby sono già in agitazione
Esteri / Libera la cestista statunitense Brittney Griner: scambio di prigionieri con la Russia
Esteri / Iran, primo manifestante giustiziato dall'inizio delle proteste
Esteri / Putin rilancia l’allarme nucleare e ammette: “L’operazione in Ucraina potrebbe essere lunga”
Esteri / Caos in Perù: il Parlamento destituisce Castillo dopo il tentativo di sciogliere l’assemblea. Il presidente arrestato
Esteri / Guerra in Ucraina, Putin: “La Russia è pronta a difendersi con ogni mezzo”. Cresce la minaccia nucleare
Esteri / Il Time sceglie Zelensky come “persona dell’anno” per il 2022
Economia / La Francia vieta i voli brevi: via libera dell’Ue, ma solo se c’è il treno. In Italia a rischio tre tratte
Esteri / Commissione Ue: “Riconoscere i diritti dei genitori gay in tutti i Paesi membri”