Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 07:28
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il video musicale girato sulla spiaggia dell’attentato in Costa d’Avorio per sfidare l’Isis

Immagine di copertina

Due giorni dopo l'attentato di al-Qaeda contro un resort in Costa d'Avorio, un gruppo di musicisti è tornato su quella stessa spiaggia sfidando il terrore con la musica

Il 13 marzo 2016 diciotto persone sono state uccise in Costa d’Avorio da un commando di uomini armati, affiliati al gruppo al-Qaeda nel Maghreb islamico (Aqmi), che hanno attaccato un resort turistico sulla spiaggia di Grand-Bassam.

Dieci giorni dopo l’attentato un gruppo di famosi musicisti ivoriani, conosciuti con il nome di Collectif Bassam, si è riunito sulla stessa spiaggia presa d’assalto dai miliziani, sfidando il terrore e il fondamentalismo a colpi di note musicali.

Il gruppo ha anche realizzato un video – “Meme pas peur”  ; “Noi non abbiamo paura”, “Non siamo spaventati” – in cui sono ritratte decine di persone che cantano e ballano, mentre sullo sfondo s’intravede l’oceano e un cielo limpido.

Un modo per affermare la gioia di vivere a dispetto dell’ideologia di morte idolatrata dall’Isis, e per dire al mondo che la Costa d’Avorio è stata ferita, ma non abbattuta ed è pronta a resistere e reagire. 

Un tempo la Costa d’Avorio era considerata un’oasi di pace tra le nazioni dell’Africa occidentale, ma un decennio d’instabilità politica ha fatto precipitare il paese in una sanguinosa guerra civile, scoppiata nel 2010 in seguito alle elezioni contestate che diedero vita a una serie di rivolte tra le varie fazioni rivali, durate 5 mesi, che provocarono 3.000 morti.

(Qui sotto il video del Collectif Bassam)


Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)
Esteri / Marina Usa fa esplodere ordigno da 18mila chili in mare. Lo spettacolare video
Esteri / Francia, la destra moderata vince il primo turno delle regionali. Deludono Le Pen e Macron