Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Nuovo veto della Russia sulle indagini dell’Onu per gli attacchi chimici in Siria

Immagine di copertina
Credit: Afp

Per la decima volta dallo scoppio della crisi nel 2011, Mosca ha fatto ricorso al diritto di veto per bloccare una risoluzione sulla Siria

Giovedì 16 novembre la Russia ha posto il veto su una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite promossa dagli Stati Uniti per rinnovare i lavori del Joint Investigative Mechanism (JIM), il meccanismo congiunto formato da Onu e Opac (Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche) che indaga sui responsabili degli attacchi chimici in Siria.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Per la decima volta dallo scoppio della crisi nel 2011, Mosca ha fatto ricorso al diritto di veto per bloccare una risoluzione sulla Siria.

Il testo ha ricevuto 11 voti favorevoli, due in più rispetto a quelli necessari all’approvazione, ma quello contrario della Russia, che insieme a Stati Uniti, Francia, Regno Unito e Cina ha diritto di veto, è stato sufficiente per bloccarne l’approvazione.

Oltre la Russia, ha espresso voto sfavorevole anche la Bolivia. Cina ed Egitto si sono astenuti.

Il veto di Mosca è arrivato dopo la bocciatura di una propria bozza di risoluzione presentata all’assemblea, scartata con sette voti contrari, quattro favorevoli e quattro astenuti.

I lavori del JIM, grazie al quale è stato possibile riconoscere le responsabilità di Bashar al-Assad, alleato di Vladimir Putin, nell’attacco con gas sarin dello scorso 4 aprile a Khan Sheikhoun, scadono venerdì 17 novembre.

La decisione del Cremlino è stata criticata duramente da Washington. Nikki Haley, rappresentante permanente degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, ha detto: “La Russia ha eliminato il Joint Investigative Mechanism, accettando così l’utilizzo di armi chimiche in Siria. Come possiamo fidarci di Mosca per raggiungere la pace nella regione?”

Il suo omologo russo, Vasily Nebenzya, ha respinto le accuse e ha criticato la risoluzione perché poco bilanciata: “Abbiamo bisogno di un meccanismo congiunto forte e professionale che permetta di prevenire la proliferazione della minaccia del terrorismo chimico nella regione, mentre voi volete una struttura fantoccio per manipolare l’opinione pubblica.”

Prima del voto di giovedì, il presidente statunitense Donald Trump aveva invitato il Consiglio di sicurezza Onu a votare per il rinnovo del Joint Investigative Mechanism:

Ti potrebbe interessare
Esteri / La principessa d’Olanda rinuncia all’indennità da 1,6 milioni di euro: “Non li merito”
Esteri / Al via l’incontro tra Biden e Putin. Il presidente Usa: “Sempre meglio incontrarsi faccia a faccia”
Esteri / Usa, lite per la mascherina: cliente spara e uccide la cassiera di un supermercato
Ti potrebbe interessare
Esteri / La principessa d’Olanda rinuncia all’indennità da 1,6 milioni di euro: “Non li merito”
Esteri / Al via l’incontro tra Biden e Putin. Il presidente Usa: “Sempre meglio incontrarsi faccia a faccia”
Esteri / Usa, lite per la mascherina: cliente spara e uccide la cassiera di un supermercato
Esteri / Il nuovo Governo di Israele bombarda la Striscia di Gaza dopo il lancio di palloni incendiari
Esteri / La Nato per contare ancora ha bisogno di un nemico: Biden ne ha trovato uno (di G. Gramaglia)
Esteri / L'Ungheria vieta la "promozione dell'omosessualità ai minori"
Esteri / Ikea condannata in Francia per aver fatto spiare lavoratori e clienti
Esteri / Gemelle sposano lo stesso uomo: “Stiamo provando a restare incinte nello stesso momento”
Esteri / New York, fattorino accoltellato mentre è in bici termina la consegna prima di andare in ospedale
Esteri / L’Afghanistan è senza vaccini, e i bambini pagano il prezzo dell’egoismo dei paesi ricchi