Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 10:43
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Venezuela, forte scossa di terremoto di magnitudo 7.3. Avvertita anche in Colombia

Immagine di copertina
Credit: Afp

L'epicentro è stato localizzato a circa 20 km a nordovest di Yaguaraparo, 400 km a est della capitale venezuelana, non lontano dalla città di Capuano. Non si registrano vittime

Una forte scossa di terremoto, di intensità 7.3 della scala Richter, è stata avvertita in diverse zone del Venezuela e nel nord della Colombia ntorno alle 17.30 del pomeriggio, le 22.30 di martedì 21 agosto in Europa centrale.

Secondo quanto riferito dai media locali, per paura di danni strutturali numerosi edifici sono stati evacuati in diverse città dei due paesi confinanti.

Il forte sisma ha scatenato il panico tra la popolazione, ma non ha provocato vittime o feriti.

L’epicentro è stato localizzato a circa 20 km a nordovest di Yaguaraparo, 400 km a est della capitale venezuelana, non lontano dalla città di Carupano. L’osservatorio Usa che vigila sui maremoti ha monitorato la situazione, per poi fare rientrare la minaccia di un possibile tsunami.

La scossa è stata avvertita anche a 400 chilometri di distanza dall’epicentro, nella capitale Caracas, nel Nord della Colombia e nel mare caraibico al largo del Venezuela a Trinidad e Tobago.

Il ministro dell’Interno, Nestor Reverol, parlando in tv ha detto che il sisma è stato avvertito in diversi Stati, ma che “per ora non si sono registrate vittime”.

“Il ministero è in contatto con tutti i governatori degli Stati coinvolti per avere una visione complessiva dei danni causati dal sisma e determinare le iniziative da adottare da parte del governo centrale”. Reverol ha confermato che il sisma ha interessato lo Stato di Sucre ed è stato avvertito in un’altra decina di Stati.

Il governatore del Sucre, Edwin Rojas, ha confermato che “al momento non si registrano danni fisici o perdite umane”.

“Abbiamo appena avuto un impatto sismico abbastanza forte, un terremoto di magnitudo superiore a 6 gradi che, grazie a Dio, non ha causato danni fisici né umani”. Tuttavia, ha aggiunto, “il sisma ha provocato una grande paura nella popolazione dovuto alla forza e alla durata della scossa”. Rojas ha assicurato che è stato fatto un monitoraggio della situazione in tutti i comuni e che “nessuno ha segnalato vittime”.

L’ultima volta che il paese era stato colpito da un terremoto così forte era il 1997: 73 persone erano rimaste uccise da una scossa di magnitudo 7.0 a Sucre. Trent’anni prima, erano state 200 le vittime nel terremoto di magnitudo 6.7 che aveva colpito Caracas.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Forza Italia”: Patrick Zaki scrive un bigliettino per gli azzurri dal carcere egiziano
Esteri / Hong Kong, blitz della polizia negli uffici del giornale pro-democrazia: 5 arresti
Esteri / Biden regala a Putin un bisonte di cristallo: ecco cosa simboleggia
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Forza Italia”: Patrick Zaki scrive un bigliettino per gli azzurri dal carcere egiziano
Esteri / Hong Kong, blitz della polizia negli uffici del giornale pro-democrazia: 5 arresti
Esteri / Biden regala a Putin un bisonte di cristallo: ecco cosa simboleggia
Esteri / Violentata in una casa vacanze, 29enne risarcita con 7 milioni da Airbnb
Esteri / Abusati, picchiati, derubati: quei minori stranieri respinti illegalmente alla frontiera del Nord Italia
Esteri / La principessa d’Olanda rinuncia all’indennità da 1,6 milioni di euro: “Non li merito”
Esteri / Vertice Usa-Russia, Putin: "No ostilità". Biden: "Servono relazioni stabili"
Esteri / Usa, lite per la mascherina: cliente spara e uccide la cassiera di un supermercato
Esteri / Il nuovo Governo di Israele bombarda la Striscia di Gaza dopo il lancio di palloni incendiari
Esteri / La Nato per contare ancora ha bisogno di un nemico: Biden ne ha trovato uno (di G. Gramaglia)