Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:49
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Usa, Trump in tv dopo le stragi: “Pena di morte per chi compie massacri”

Immagine di copertina

Il presidente ha parlato alla nazione americana in diretta dopo le uccisioni di El Paso e di Dayton

Usa, Trump dopo le stragi: “Pena di morte per chi compie massacri”

Il presidente Usa Donald Trump ha parlato alla nazione americana in diretta tv dopo le stragi di El Paso e di Dayton in cui sono morte almeno 29 persone riaccendendo l’allarme e il dibattito sulle armi da fuoco in America.

L’inquilino della Casa Bianca ha parlato di “attacchi malvagi di due mostri”, descrivendo le stragi. “Il razzismo e il suprematismo sono ideologie che non devono avere posto in America e devono essere sconfitte”, ha proseguito. “È tempo di unirci contro l’odio, e l’America vincerà la sfida”.

Trump ha evidenziato anche che Internet offre una strada pericolosa alle menti radicalizzate e disturbate, sottolineando che i “pericoli” dei social media “non possono essere ignorati”.

“L’odio non deve avere posto in America”, ha poi aggiunto il presidente annunciando di aver ordinato al dipartimento della giustizia di mettere a punto una legislazione che preveda la pena di morte per i crimini d’odio e le stragi di massa.

Dal presidente degli Stati Uniti nessun passo indietro sulla diffusione della armi. “A premere il grilletto sono stati odio e disabilità mentale”, è stata l’analisi di Trump dopo le stragi di El Paso e di Dayton, mentre l’America torna a interrogarsi sull’eccessivo numero di armi da fuoco in circolazione nel Paese.

Trump e le stragi: “No alla celebrazione della violenza nei videogiochi”

Altro passaggio dell’intervento: “Dobbiamo dire basta alla celebrazione della violenza nella nostra società. Questo include i raccapriccianti e disgustosi videogiochi che sono ormai comuni”.

Il riferimento di Trump ai videogiochi nel suo intervento ha avuto effetto anche un Borsa. I titoli dei produttori di videogiochi sono subito calati dopo la condanna del presidente. Activision ha perso il 6,16 per cento, Take-Two il 5,93 per cento ed Electronic Arts il 4,58 per cento.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, bimbo di 10 anni uccide la madre con una pistola: non gli aveva comprato un giocattolo
Esteri / Usa, partita di golf finisce in tragedia: giocatore strappa a morsi il naso del suo avversario dopo una lite
Esteri / Medico si addormenta al volante dopo un turno estenuante in ospedale e falcia 4 persone: condannato
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, bimbo di 10 anni uccide la madre con una pistola: non gli aveva comprato un giocattolo
Esteri / Usa, partita di golf finisce in tragedia: giocatore strappa a morsi il naso del suo avversario dopo una lite
Esteri / Medico si addormenta al volante dopo un turno estenuante in ospedale e falcia 4 persone: condannato
Esteri / Attentato a Susanna Schlein (sorella di Elly) ad Atene: è la prima consigliera dell’ambasciata italiana
Esteri / Russia, Lavrov accusa: “Militari ucraini addestrati anche in Italia”. La smentita del ministero della Difesa
Esteri / Biden: “Pronto a parlare con Putin”. La risposta del Cremlino: “Prima gli Stati Uniti riconoscano come russe le regioni annesse”. E Macron lancia una conferenza per la pace a Parigi
Esteri / Kanye West: “Vedo delle cose buone anche in Hitler”. Ed Elon Musk sospende l’account Twitter
Esteri / Professoressa apre profilo OnlyFans “per curare il figlio malato”: scoperta da alunni e genitori, si licenzia
Esteri / “Non hanno abbastanza follower”: influencer non parla più con i parenti e li blocca sui social
Esteri / Elon Musk: “Entro sei mesi il chip di Neuralink nel cervello di un essere umano”