Covid ultime 24h
casi +16.377
deceduti +672
tamponi +130.524
terapie intensive -9

Il pescatore che stava soffocando dopo aver inghiottito una sogliola viva

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 13 Ott. 2017 alle 16:22 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 21:51
0
Immagine di copertina

Un banale gioco tra amici si è rivelato quasi fatale per un 28enne di Dorset, una contea nel sud del Regno Unito.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Il giovane pescatore stava soffocando per aver inghiottito per intero una sogliola di Dover.

Il fatto risale al 5 ottobre scorso. L’uomo aveva appena pescato l’animale di 14 centimetri e poco dopo lo aveva messo in bocca, tutto intero, per scherzo.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La sogliola però, evidentemente ancora viva, ha fatto un salto direttamente in gola, andandosi a conficcare nella faringe.

Quando i paramedici sono arrivati sul posto per soccorrere l’uomo, lo hanno trovato a terra, in arresto cardiaco e con una via aerea bloccata.

Inizialmente i soccorritori non sono riusciti ad avere un quadro preciso della situazione, ma dopo aver provato a rianimarlo si sono accorti che qualcosa era incastrato nella gola del giovane pescatore.

“Era chiaro che dovevamo trovare il modo di far uscire l’animale dalla gola o quel paziente non sarebbe sopravvisuto durante il tragitto verso l’ospedale Royal Bournemouth”, ha raccontato Martyn Box, uno dei due paramedici.

Box e il suo collega hanno utilizzato un paio di pinze per estrarre il pesce dalla gola del 28enne.

“Utilizzando una pinza di McGills ho potuto sbloccare la punta della coda e con molta attenzione, per non romperla, ho cercato di rimuovere l’animale”, ha raccontato l’uomo.

“Ero consapevole che si trattava solo di un tentativo disperato di salvare il ragazzo: avrei potuto perdere la presa o rompere una parte del pesce durante l’estrazione, ma non c’era altro che avremmo potuto fare per eliminare l’ostruzione”, ha proseguito il soccorritore.

Box era anche preoccupato per le pinne e i denti della sogliola, che si sarebbero potuti bloccare nell’uscita dalla gola dell’uomo, ma al sesto tentativo, il paramedico è riuscito a rimuovere il pesce.

“Quando abbiamo estratto l’animale, ci siamo accorti con stupore che si trattava di una sogliola di Dover”.

“Non ho mai assistito a un incidente più bizzarro di questo e non credo che avverrà in futuro, ma siamo contenti che il paziente si sia ripreso e che non abbia riportato danni dopo l’arresto cardiaco”, ha detto Matt Harrison, l’altro soccorritore.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.