Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:48
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Le università britanniche contro la Brexit

Immagine di copertina

In una lettera al quotidiano inglese Independent, 103 rettori e vicerettori di università del Regno Unito hanno dichiarato il loro sostegno alla campagna per il remain

In una lettera al quotidiano inglese Independent, 103 rettori e vicerettori di istituti universitari dell’intero Regno Unito hanno dichiarato il loro sostegno alla campagna remain. Ritengono infatti che l’uscita dall’Ue influenzerebbe negativamente il sistema universitario, importante pilastro dell’economia nazionale.

Secondo i dati contenuti nel testo, le università britanniche portano oltre 73 miliardi di sterline all’anno nelle casse del paese e di questi, quasi 4 miliardi vengono generati da studenti provenienti dagli altri membri dell’Unione. I loro numeri sono cresciuti costantemente negli ultimi anni, nonostante la retta per gli europei, uguale a quella dei nazionali britannici, sia aumentata considerevolmente nel 2012 (in Inghilterra e Galles, è triplicata da 3000 a 9000 sterline).

Brexit comporterebbe un ulteriore aumento delle tasse universitarie per gli europei e questo potrebbe scoraggiare le iscrizioni. Il settore garantisce anche circa 380.000 posti di lavoro, promuovendo l’occupazione a livello nazionale.

Inoltre, questi istituti accademici all’avanguardia possono permettersi progetti di ricerca ed innovazione nei campi della medicina e dell’ambiente, che potenzialmente potrebbero migliorare la vita di tutti. Ciò non sarebbe realizzabile senza il grande contributo finanziario dei fondi dell’Unione.

Uscire dall’Europa significherebbe esercitare un’attrattiva minore sulle giovani menti del continente, autoescludendosi da questo mercato di idee e denaro.

Il Regno Unito perderebbe la sua posizione di faro per la ricerca scientifica e le università stesse ci rimetteranno molti soldi. Votare per Brexit significa dunque “limitare le opportunità per i cittadini britannici”.

La lettera è firmata dai dirigenti dei maggiori atenei dello stato, tra cui Oxford, Cambridge, London School of Economics ed Edimburgo. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte