Covid ultime 24h
casi +21.273
deceduti +128
tamponi +182.032
terapie intensive +80

Una goccia di latte finisce nei polmoni: neonato di due settimane e mezzo sopravvive a 3 arresti cardiaci

Di Marco Nepi
Pubblicato il 22 Set. 2020 alle 20:56 Aggiornato il 22 Set. 2020 alle 20:57
0
Immagine di copertina

Una goccia di latte gli va nei polmoni e il bambino di due settimane e mezzo ha 3 arresti cardiaci. Bertie Spencer, di Grantham, nel Lincolnshire, stava bevendo il latte dalla mamma quando si è sentito male. La donna gli stava dando il biberon quando al neonato è andato di traverso il latte e ha avuto un piccolo rigurgito. Dopo mezz’ora Bertie ha iniziato a cambiare colore, è diventato blu. I genitori hanno portato d’urgenza il piccolo all’ospedale Queen’s Medical Center di Nottingham. I medici hanno spiegato ai genitori che il liquido nei polmoni aveva impedito al bambino di respirare provocando un’assenza di ossigeno al cervello che ha fatto smettere al cuore di pompare correttamente. Dopo i 3 infarti i medici hanno temuto il peggio. Poi miracolosamente il cuore di Bertie è tornato a battere.

Il bambino ora sta bene ma i medici non escludono che in futuro possa avere problemi a camminare e a parlare a causa dei danni riportati al cervello. “Non hanno saputo dirci quanto sarà grave la sua paralisi cerebrale, ma al momento sta bene, il che è un buon segno. Non pensavamo che sarebbe sopravvissuto. I medici continuano a dirmi che è un miracolo e non possono credere che sia andato tutto così bene”, ha dichiarato la madre di Bertie al Daily Mail.

Leggi anche: 1. Bari, bambino di 12 anni morto soffocato da una mozzarella davanti a mamma e sorella / 2. Usa, bambino di due anni trovato rinchiuso in una gabbia di animali tra insetti, topi e un boa

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.