Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:18
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’Ue approva altri tre mesi di controlli alle frontiere interne

Immagine di copertina

A causa della crisi migratoria, Austria, Danimarca, Germania, Svezia e Norvegia continueranno a svolgere i controlli ai loro confini in deroga alla convenzione Schengen

La Commissione europea ha approvato martedì 25 ottobre una risoluzione con cui estende di tre mesi i controlli temporanei alle frontiere interne di alcuni paesi dell’area Schengen, a causa della crisi migratoria in corso in Europa.

La decisione consente ad Austria, Danimarca, Germania, Svezia e Norvegia di rimandare il ripristino della libertà di circolazione prevista dal trattato Schengen. 

Secondo la Commissione, infatti, non sono ancora presenti le condizioni che consentirebbero il ritorno alla normale funzionalità della convenzione e i cinque paesi in questione sono sommersi dalle richieste di asilo.

L’Unione era intenzionata a ripristinare l’efficacia di Schengen in tutta l’area entro la fine dell’anno. Ma i governi di Berlino, Vienna e Copenaghen hanno richiesto una proroga nel timore che la grande quantità di migranti presenti nei campi profughi di Grecia e Italia continuino a viaggiare verso il nord Europa.

L’area Schengen comprende 22 paesi dell’Unione insieme a Norvegia, Islanda, Svizzera e Liechtenstein. Il periodo di tre mesi di proroga inizierà a partire dal 13 novembre.

Nonostante l’accordo tra Unione europea e Turchia abbia drasticamente ridotto il numero di profughi siriani che attraversano il mar Egeo per entrare in Europa, in Grecia è ancora presente un gran numero di migranti irregolari che potrebbero viaggiare verso nord e in Italia continuano gli sbarchi dei gommoni provenienti dalla Libia.

“Crediamo che questi tre mesi saranno gli ultimi di questo periodo di controlli e poi torneremo normalmente al pieno funzionamento di Schengen”, ha detto il commissario agli Affari interni dell’Unione, Dimitris Avramopoulos, in una conferenza stampa.

L’afflusso di oltre un milione di richiedenti asilo lo scorso anno ha determinato la peggiore crisi migratoria dalla seconda guerra mondiale, e ha sollevato i timori di un collasso del sistema Schengen, uno dei maggiori successi dell’Unione europea.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, la sfida dei vescovi cattolici: approvato documento per vietare la comunione a Biden
Esteri / Iran, vince al primo turno l'ultraconservatore Ebrahim Raisi
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, la sfida dei vescovi cattolici: approvato documento per vietare la comunione a Biden
Esteri / Iran, vince al primo turno l'ultraconservatore Ebrahim Raisi
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Esteri / Usa, il concerto di Bruce Springsteen è vietato a chi si è vaccinato con AstraZeneca
Esteri / Juneteenth, il giorno per ricordare la fine della schiavitù dei neri, diventa festa federale negli Usa
Esteri / Israele presta ai palestinesi oltre un milione di vaccini Pfizer in scadenza
Esteri / Schiavitù infantile, Corte Suprema Usa blocca causa contro i giganti del cioccolato
Esteri / La variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio