Covid ultime 24h
casi +21.994
deceduti +221
tamponi +174.398
terapie intensive +127

Muore a 33 anni influencer negazionista. Per lui “Il Covid era una bufala”

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 18 Ott. 2020 alle 17:27 Aggiornato il 18 Ott. 2020 alle 17:49
239
Immagine di copertina

Morto influencer negazionista: per lui “il Covid era una bufala”

Aveva 33 anni ed è morto della malattia di cui fino a pochi mesi fa aveva negato l’esistenza, il Coronavirus. Si chiamava Dmitriy Stuzhuk e faceva l’influencer. Le complicanze legate al Covid si sono manifestate durante il ricovero all’Ospedale di Kiev, in Ucraina, e ora lascia tre figli e la ex mogli 25enne, che ha dato notizia della sua morte con un post su Instagram. Dmitriy avrebbe contratto il virus durante un viaggio in Turchia, una circostanza a cui non era preparato. Sulla sua pagina Instagram, dove vantava un milione di follower, nei mesi scorsi aveva minimizzato la portata dell’epidemia tanto da arrivare a negare l’esistenza del Covid. “Il Coronavirus non esiste, è una bufala, è come un’influenza”, scriveva sul suo profilo social.

Dopo il ricovero è arrivato il pentimento: tre giorni prima di morire ha pubblicato un post in cui chiedeva scusa per aver negato la malattia e raccontava ai follower quello che gli stava accadendo. “Voglio condividere come mi sono ammalato e mettere in guardia tutti in modo convincente: ho anche pensato che non ci fosse il covid. Ma il Covid-19 non è qualcosa di leggero! È una malattia seria!”, ha scritto Dmitry.

Le foto allegate al post commovente lo ritraevano senza maglietta, con l’ossigeno per aiutarsi a respirare. “Mi sono svegliato nel cuore della notte perché avevo il collo gonfio e avevo difficoltà a respirare. Allo stesso tempo mi faceva un po’ male lo stomaco. Al ritorno dalla Turchia, sono subito andato a fare vari esami, a fare un’ecografia e per ogni evenienza ho deciso di fare un test per il Covid, che si è rivelato positivo”, spiegava ancora su Instagram. Dopo pochi giorni la tragica scomparsa a Kiev.

Leggi anche: 1. Coronavirus, morto un medico all’Ospedale San Camillo di Roma. La Asl blocca i ricoveri 2. Il mistero delle 1.660 terapie intensive pronte all’uso che le Regioni non hanno ancora attivato / 3. I presidi contro De Luca: “No alla didattica a distanza. La scuola non si ferma” / 4. “Ora fermiamoci 3 settimane”: parla Crisanti / 5. “Giusto il coprifuoco a Roma e Milano”: lo dice Bassetti, il prof del “virus indebolito” / 6. L’allarme dei medici di famiglia: “Nel Lazio sommersi da telefonate”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

239
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.