Covid ultime 24h
casi +26.831
deceduti +217
tamponi +201.452
terapie intensive +115

Il mistero delle 1.660 terapie intensive pronte all’uso che le Regioni non hanno ancora attivato

Di Enrico Mingori
Pubblicato il 17 Ott. 2020 alle 15:59
357
Immagine di copertina

In Italia ci sono 1.660 ventilatori di terapia intensiva pronti all’uso ma mai attivati dalle Regioni: 183 sono in Campania, 345 in Emilia-Romagna, 249 in Lombardia. Il commissario per l’emergenza Covid, Domenico Arcuri, ha invitato con una lettera i governatori ad attivarli al più presto per potenziare al massimo il sistema di difesa in vista della stagione invernale. A quanto si apprende, il Governo è pronto a inviare alle Regioni altri 1.500 ventilatori, ma prima vuole vedere almeno attivati quelli già distribuiti.

Prima della pandemia in Italia si contavano complessivamente 5.179 posti letto in terapia intensiva. A partire da marzo la flotta si è progressivamente allargata: lo Stato ha inviato finora sul territorio 3.109 nuovi ventilatori, che avrebbero dovuto portare quindi il totale dei posti letto a quota 8.288. Ma ad oggi il totale dei posti letti attivi è fermo a 6.628 (dati aggiornati al 16 ottobre). All’appello mancano appunto i 1.660 ventilatori che le Regioni non hanno ancora attivato.

La situazione delle terapie intensive ad oggi è sotto controllo: i ricoverati sono 638 in tutta Italia. Ma solo tre Regioni – Valle d’Aosta, Friuli Venezia Giulia e Veneto – rispettano la soglia di sicurezza definita dal Governo, pari a 14 posti letto ogni 100mila abitanti. Anche per questo Arcuri ha alzato il pressing affinché i ventilatori inviati ma non “accesi” vengano attivati.

La risalita dei contagi registrati negli ultimi giorni ha spinto alcuni governatori a intraprendere o auspicare un giro di vite sul fronte delle restrizioni anti-contagio. Molti di quegli stessi governatori, peraltro – si fa notare dal Governo -, sul proprio territorio non si stano dimostrando efficienti nella gestione delle terapie intensive (oltreché sui fronti del trasporto pubblico locale e dell’organizzazione dei tamponi).

Nella Campania di De Luca, ad esempio, in questi mesi sono stati inviati 281 ventilatori, ma 183 risultano ancora inattivi. Nell’Emilia-Romagna di Bonaccini su 412 apparecchi ne mancano all’appello ancora 345. In Lombardia i posti letto attivati dovrebbero essere 1.243 e invece sono 994. Il gap è poi di 130 posti in Calabria, 141 in Toscana, 149 nelle Marche, mentre le Regioni più virtuose sono Veneto, Piemonte e Friuli Venezia Giulia, dove il numero dei ventilatori è addirittura superiore alla quota assegnata da Roma.

Di seguito l’elenco delle Regioni e della rispettiva differenza fra posti di terapia intensiva attivi e posti di terapia potenziali, tenuto conto dei ventilatori inviati dal commissario Arcuri.

– Abruzzo: meno 24
– Basilicata: meno 23
– Calabria: meno 130
– Campania: meno 183
– Emilia-Romagna: meno 345
– Friuli Venezia Giulia: più 8
– Lazio: meno 64
– Liguria: meno 57
– Lombardia: meno 249
– Marche: meno 149
– Molise: meno 26
– Bolzano: meno 2
– Trento: meno 13
– Piemonte: più 17
– Puglia: meno 137
– Sardegna: meno 58
– Sicilia: meno 76
– Toscana: meno 141
– Umbria: meno 51
– Valle d’Aosta: meno 5
– Veneto: più 48

Leggi anche: Allarme terapie intensive: ecco la situazione regione per regione. Se i casi aumentano non siamo pronti

357
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.