Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Ucciso il leader dei ribelli pro Pakistan nel Kashmir indiano

Immagine di copertina

Abu Qasim, uno dei principali leader del gruppo di militanti Lashkar-e-Taiba, è stato ucciso in uno scontro a fuoco con le forze armate indiane

Il leader e capo delle operazioni militari del gruppo di ribelli pakistani Lashkar-e-Taiba attivo nel Kashmir indiano, è stato ucciso nella prima mattinata di giovedì 29 ottobre.  Secondo il direttore generale della polizia K. Rajendra Kumar, Abu Qasim, di nazionalità pakistana, sarebbe il responsabile di diversi attacchi nel paese, tra cui quello di Mumbai nel 2008 che ha causato 166 vittime.

Non c’è stata alcuna conferma o commento da parte dei ribelli che combattono contro il governo indiano nella regione del Kashmir, sebbene centinaia di persone avrebbero marciato al sito dello scontro per lanciare pietre alle forze governative e ostruire il traffico. La polizia indiana avrebbe risposto con l’utilizzo di gas lacrimogeni.

L’operazione per catturare Abu Qasim è iniziata nella notte tra mercoledì 28 ottobre e giovedì 29 ottobre a Kulgam, una città 70 chilometri a sud di Srinagar, la città principale del Kashmir, dopo che la polizia aveva ricevuto un suggerimento circa la presenza di Qasim nell’area.

Abu Qasim è stato ucciso mentre cercava di scappare dalla polizia.

L’india accusa il Pakistan di finanziare e addestrare i militanti ribelli nella regione, nonostante Islamabad neghi ogni coinvolgimento, dichiarando che si occupa solo di dare supporto morale e diplomatico ai ribelli.

Il Kashmir è diviso tra India e Pakistan, nonostante entrambi i Paesi la rivendichino nella loro interezza. È dal 1989 che i ribelli combattono per l’indipendenza del Kashmir o il suo assorbimento nel Pakistan. Più di 68mila persone sono state uccise nella ribellione armata e nella conseguente severa repressione indiana.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Russia non vuole veri colloqui di pace". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Russia non vuole veri colloqui di pace". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”