Uccisi dal monossido i sei ragazzi morti in Germania

La responsabile del decesso dei sei adolescenti potrebbe essere una vecchia stufa a legna che è stata usata per riscaldare la casetta dove avevano organizzato una festa

Di TPI
Pubblicato il 31 Gen. 2017 alle 16:01 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 21:09
0
Immagine di copertina

La polizia tedesca ha accertato che la causa della morte dei sei adolescenti rinvenuti senza vita in una casetta da giardino in Germania domenica 29 gennaio 2017 è l’avvelenamento da monossido di carbonio. Si tratta di cinque ragazzi e una ragazza tra i 18 e i 19 anni che avevano organizzato una festa la sera precedente. 

Avendo perso il contatto con i figli e non vedendoli tornare a casa, un padre preoccupato è andato a cercarli. Aperta la porta della casetta, ha trovato i sei corpi, tra cui quelli della figlia e del figlio. Gli inquirenti avevano sospettato sin da subito che la stufa a legna usata per risaldare l’ambiente fosse responsabile dei decessi. 

Le autopsie hanno confermato che è stato il monossido di carbonio a uccidere i sei ragazzi.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.