Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Marocco, condanna a morte per gli assassini delle turiste scandinave

Immagine di copertina
Le due vittime: la danese Louisa Vesterager Jespersen e la norvegese Maren Ueland

Le due ragazze erano state uccise nel dicembre 2018

Condanna a morte per gli assassini delle turiste scandinave

Un tribunale marocchino ha confermato ieri, mercoledì 30 ottobre 2019, in appello, la condanna a morte dei tre responsabili dell’uccisione di due turiste scandinave. Le donne, escursioniste, erano state decapitate a dicembre dello scorso anno a Imlil, sulle montagne dell’Alto Atlante.

Le ragazze si chiamavano Luisa Vesterager Jesperse, danese di 24 anni, e Maren Uelandla, norvegese di 28 anni. Avevano deciso di intraprendere la scalata della celebre vetta del monte Toubkalma. Furono violentate e decapitate mentre erano accampate per un trekking.

I giudici del tribunale antiterrorismo della corte d’Appello di Salè, vicino a Rabat, hanno anche deciso di commutare in pena capitale l’ergastolo comminato in primo grado al quarto uomo, che ha partecipato all’organizzazione del duplice delitto ma non all’omicidio.

Il 18 luglio, il tribunale antiterrorismo di Salè aveva condannato a morte il 25enne Abdessamad Ejjoud, considerato il capo banda e altri due giovani marocchini, che avevano ammesso di aver ucciso le due ragazze.

Secondo l’emittente locale 2M, la corte ha anche condannato altri 20 imputati a una serie di pene detentive che vanno dai 5 ai 30 anni di reclusione.

Il primo ministro, Saad-Eddine El Othmani, ha affermato che tali attacchi avevano rappresentato una pugnalata alle spalle al Marocco e ai suoi cittadini, e che questa azione, incompatibile con la cultura e i valori del Paese, era stata condannata da tutti i segmenti della società.

Le esecuzioni capitali in Marocco continuano ad essere comminate, ma sono di fatto sospese dal 1993, per una moratoria.

Marocco, arrestate altre nove persone per la decapitazione delle due turiste scandinave
Turiste scandinave violentate e sgozzate in Marocco: i sospetti hanno giurato fedeltà all’Isis
Marocco, turiste stuprate e decapitate: arrestato un cittadino svizzero
Ti potrebbe interessare
Esteri / Migranti, ancora tensioni Francia-Italia: “Roma apra i suoi porti alle Ong, altrimenti niente ricollocamenti”
Esteri / Putin alle madri dei soldati russi: “I vostri figli sono eroi”
Esteri / “Tentò di violentarmi in un camerino”: giornalista americana denuncia Trump per violenza sessuale e diffamazione
Ti potrebbe interessare
Esteri / Migranti, ancora tensioni Francia-Italia: “Roma apra i suoi porti alle Ong, altrimenti niente ricollocamenti”
Esteri / Putin alle madri dei soldati russi: “I vostri figli sono eroi”
Esteri / “Tentò di violentarmi in un camerino”: giornalista americana denuncia Trump per violenza sessuale e diffamazione
Esteri / Criticava il regime sui social, arrestato in Iran l’ex star della nazionale Voria Ghafouri
Calcio / Così il Qatar si è “comprato” i Mondiali per spacciarsi come Paese aperto e moderno
Esteri / Esclusivo TPI – Mondiali Insanguinati: ecco le condizioni disumane di lavoro degli operai che hanno costruito gli stadi in Qatar
Esteri / Armi, gas e militari: così l'Italia si inchina all'emiro del Qatar
Esteri / Usa, genitori 24enni partono per New York e lasciano il figlio di 2 anni a casa da solo
Esteri / “Macron indagato per finanziamento illecito”: la rivelazione del quotidiano Le Parisien
Esteri / “Russia stato sponsor del terrorismo”: via libera del Parlamento Ue alla risoluzione