Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Siria, Erdogan minaccia l’Ue: “Se ci criticate apriamo le porte e vi spediamo 3,6 milioni di migranti”

Immagine di copertina
Credit: AFP

La Turchia attacca i curdi in Siria, Erdogan minaccia di aprire le porte ai migranti verso l’Europa

La Turchia ha iniziato l’offensiva in Siria contro i curdi. E oggi, 10 ottobre, il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan ha minacciato di “aprire le porte” ai migranti verso l’Europa se l’UE continuerà a descrivere le sue operazioni militare come colonialiste ed ad ostacolarle. Durante un discorso tenuto il giorno successivo dall’inizio di un’offensiva contro i territori controllati dalle forze curde nella Siria nordorientale, Erdogan ha dichiarato che l’Europa non è onesta e non ha mai detto la verità, accusandola di non aver fornito aiuti come promesso.

Se l’Ue ci accuserà di “occupazione” della Siria e ostacolerà la nostra “operazione” militare, “apriremo le porte a 3,6 milioni di rifugiati e li manderemo da voi”. Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, parlando ai leader provinciali del suo Akp.

Il leader di Ankara è poi tornato ad accusare Bruxelles di non aver rispettato le “promesse”, perché non ha ancora trasferito la seconda tranche di 3 miliardi di euro di aiuti per la gestione dei rifugiati siriani, prevista dall’accordo del marzo 2016, rivendicando che la Turchia avrebbe invece speso “40 miliardi di dollari”.

Erdogan ha anche rinnovato le critiche all’Ue per non aver accettato la Turchia come Paese membro. “Dal ’63 fino a ora ci avete tenuti occupati”, ha detto il presidente turco, riferendosi all’accordo di associazione che quell’anno ha stabilito le relazioni formali tra Ankara e le istituzioni europee.

L’attacco turco

Ieri il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha annunciato l’inizio dell’offensiva nella Siria nordorientale contro le forze curde delle Unità di protezione del Popolo (Ypg), considerate dalla Turchia una minaccia alla propria sicurezza, per creare una “zona sicura” in cui ospitare almeno un milione di rifugiati siriani. Domenica scorsa gli Stati Uniti hanno annunciato il parziale ritiro delle forze presenti nell’area.

La Turchia accusa le Unità di protezione del Popolo (Ypg) e l’alleanza curdo-araba delle Forze Democratiche Siriane (Sdf) di cui fanno parte, di essere legate al Partito dei lavoratori curdi (Pkk), considerato un’organizzazione terroristica anche da Stati Uniti e Unione europea.

Le Unità di protezione del Popolo (Ypg) curde sono state l’alleato principale della coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti nella lotta all’Isis in Siria nordorientale.

Il bilancio

Intanto, sono almeno 7 i civili morti e 19 feriti gravi quelli riportati nella prima giornata dell’offensiva lanciata dalla Turchia contro i territori controllati dalle forze curde nella Siria nordorientale.

Lo ha riportato il Rojava Information Center in un resoconto della prima giornata dell’attacco, citando la Mezzaluna rossa curda (organizzazione non appartenente al Comitato internazionale della Croce Rossa) e dell’Osservatorio siriano per i diritti umani, secondo cui 2 persone sono morte nella città di al-Qamishli, 3 nei villaggi nei dintorni di Ras al-Ain, 2 a Ras al-Ain, nella provincia nordorientale di al-Hasakah, mentre 2 delle vittime sono bambini. Tra i feriti, 2 sono donne e 4 bambini.

Leggi gli approfondimenti di TPI sul tema:

> Perché la Turchia invade la Siria proprio adesso

> Dietro l’invasione della Siria c’è il piano di Erdogan per ricollocare un milione di profughi siriani

> La Turchia invade la Siria: chi sta con chi e cosa sta succedendo nello scenario internazionale

> I curdi del Rojava a TPI: “Trump abbandona i curdi e la Turchia invade il nord della Siria. Ma così l’Isis risorgerà”

> La Siria prima e dopo la guerra: le foto che testimoniano gli orrori

Ti potrebbe interessare
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Ti potrebbe interessare
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce
Esteri / Incendio in un grattacielo a Taiwan, almeno 46 morti
Esteri / Libano, violenti scontri a Beirut: almeno 5 morti e 30 feriti
Esteri / Il direttore dell'Oms: "Non esclusa l'ipotesi della fuoriuscita dal laboratorio"