Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:05
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Guerra in Siria, i curdi chiedono corridoi umanitari per i civili

Immagine di copertina
Profughi al confine con la Siria Credit: Ansa

L’offensiva militare turca in corso nel nord-est della Siria ha provocato finora oltre 300 mila sfollati

Guerra in Siria, i curdi chiedono corridoi umanitari per i civili

Per fare fronte all’emergenza della guerra della Turchia in Siria, i curdi chiedono corridoi umanitari per evacuare i civili dalla città sotto assedio turco di Ras al Ayn, dopo che un ospedale della città è stato colpito, lasciando in trappola al suo interno pazienti e personale sanitario.
L’offensiva militare turca in corso nel nord-est della Siria ha provocato finora oltre 300 mila sfollati. Ad annunciarlo è l’Osservatorio siriano per i diritti umani, secondo cui la maggior parte degli sfollati ha lasciato le proprie case nella provincia nord-orientale di Hasakeh, a causa dei combattimenti tra le forze turche e curdo-arabe lungo il confine.
Secondo quanto rivelato all’agenzia di stampa Afp dal direttore dell’osservatorio, Rami Abdul Rahman, migliaia di sfollati hanno lasciato Kobane, nella provincia di Aleppo, e Tal Abyad (Raqqa) nel nord del Paese.
La Turchia ha lanciato l’operazione militare ad est dell’Eufrate lo scorso mercoledì 9 ottobre contro le Forze democratiche siriane, l’alleanza curdo-araba siriana finanziata dall’Occidente per la lotta all’Isis. Ankara ha in programma di reinsediare 2 milioni di siriani in una zona sicura che si estenda per una profondità di 30 chilometri lungo il confine turco-siriano.

Corridoi umanitari, il commento della chiesa

Anche la chiesa cattolica si schiera a favore dei corridoi umanitari. “L’offensiva anti-curda della Turchia ci interpella per molte ragioni – ha commentato don Buonaiuto, sacerdote della Comunità Papa Giovanni XXIII – Il sangue versato in queste ore renderà ancora più complessa la soluzione delle crudeli e cronicizzate controversie regionali”.
Secondo don Buonaiuto, “ora la priorità è salvare, in ogni modo e con qualunque mediazione, gli uomini, le donne e i bambini costretti a scappare dalle loro case distrutte dai colpi di mortaio e dai bombardamenti”, lanciando un appello all’Unione Europea affinché “per una volta almeno smetta di parlare a più voci e si mostri compatta nel promuovere corridoi umanitari e negoziati multilaterali per consentire alle popolazioni indifese di uscire dalla morsa dei combattimenti”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti
Esteri / La città giapponese che ha speso i soldi del Recovery per costruire la statua di un calamaro gigante
Esteri / In Colombia la polizia spara su studenti e operai: oltre 30 morti e 800 arresti
Ti potrebbe interessare
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti
Esteri / La città giapponese che ha speso i soldi del Recovery per costruire la statua di un calamaro gigante
Esteri / In Colombia la polizia spara su studenti e operai: oltre 30 morti e 800 arresti
Esteri / Sospensione brevetti vaccini, Ue spaccata: Italia e Francia a favore, Germania contro
Esteri / La guerra della pesca: cosa sta succedendo nella Manica tra Francia e Regno Unito
Esteri / Donna scomparsa ritrovata in un canyon: è sopravvissuta 5 mesi mangiando erba e muschio
Esteri / L’ascesa della lady di ferro di Madrid che ha stravinto le elezioni tenendo aperti i ristoranti
Esteri / Usa, giustiziato per omicidio: 4 anni dopo test scoprono DNA di un altro
Esteri / Francia e Regno Unito inviano navi da guerra nella Manica: alta tensione sulla pesca
Esteri / Un agricoltore ha spostato per sbaglio il confine tra Francia e Belgio