Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La Turchia appoggia i ribelli siriani in un’offensiva contro i jihadisti a Idlib

Immagine di copertina

Buona parte della città siriana di Idlib si trova sotto il controllo dei jihadisti di Hayat al-Tahrir al-Sham. Nell'operazione è coinvolto anche l'Esercito siriano libero

La Turchia ha annunciato l’inizio di un’operazione militare per liberare la città siriana di Idlib, per buona parte controllata dai jihadisti del gruppo Hayat al-Tahrir al-Sham. Idlib e le circostanti aree del nord-ovest della Siria sono tra i principali baluardi dei gruppi ribelli che combattono contro il presidente Bashar al-Assad, ma negli ultimi mesi sono stati progressivamente sostituiti da fazioni jihadiste.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

L’operazione rientra nel patto di distensione tra Turchia, Iran e Russia e coinvolgerà gruppi di ribelli siriani aiutati dall’esercito turco. Mosca, alleata di Assad, offrirà supporto aereo.

“Non permetteremo l’apertura di un corridoio del terrore lungo i nostri confini con la Siria”, ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. “Dopo Idlib condurremo altre operazioni”.

Mustafa Sejari, ufficiale delle brigate Liwa al Mutasim, ha detto che i gruppi dell’Esercito siriano libero supportati dalla Turchia sono pronti a entrare a Idlib. “L’Esercito siriano libero, con l’aiuto delle truppe turche, è pronto a fare ingresso nell’area, ma al momento non ci sono movimenti”, ha detto.

L’offensiva su Idlib rappresenta il prosieguo dell’operazione “Scudo sull’Eufrate”, lanciata il 24 agosto 2016 per cacciare i gruppi legati al sedicente Stato islamico e le milizie curde presenti al confine turco.

Hayat al-Tahrir al-Sham è un’alleanza jihadista formata da quattro gruppi diversi. È nata a seguito della scissione all’interno del Fronte al-Nusra all’inizio di quest’anno. A capo dell’alleanza vi è Abu Mohammad al-Julani, un ex affiliato di al Qaeda.

L’impegno di Hayat al-Tahrir al-Sham nel continuare a combattere le forze governative siriane e i suoi alleati rappresenta una minaccia per la tenuta del patto di distensione tra Russia, Turchia e Iran.

Per indebolire l’alleanza jihadista, Ankara ha alimentato tensioni interne. Due gruppi hanno già abbandonato le fila dei miliziani islamisti.

La popolazione di Idlib è arrivata a quasi due milioni di persone dopo l’arrivo di civili e combattenti provenienti da altre aree sotto l’assedio dell’esercito siriano, che gode del supporto dei jet russi e delle milizie vicine a Teheran.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”
Esteri / Indonesiano positivo al Covid finge di essere la moglie e prende un aereo: scoperto durante il volo
Esteri / Come funziona il Green Pass all’estero: ecco i Paesi dove è obbligatorio e per quali attività
Esteri / Ombre cinesi sul G20 di Napoli: Pechino complica l'accordo sul clima
Esteri / “Chiedono il vaccino ma è troppo tardi”: il racconto del medico che cura i pazienti Covid non vaccinati
Esteri / Ungheria, Orban sfida l'Ue: "Un referendum sulla legge anti-Lgbtq"