Me

Usa, Trump dichiara l’emergenza nazionale per finanziare il Muro con il Messico

I dem sono pronti a dare battaglia

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 15 Feb. 2019 alle 17:27 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 02:33
Immagine di copertina

Il presidente americano Donald Trump dichiara l'”emergenza nazionale” per finanziare il Muro al confine con il Messico, come aveva annunciato.

In una lunga arringa dal Giardino delle Rosse della Casa Bianca, Trump ha difeso il suo progetto, sostenendo che “tutti sanno che il muro serve per fermare il crimine e l’invasione dei trafficanti”.

“I muri funzionano al 100 per cento, la stragrande maggioranza delle droghe non passa attraverso i porti di ingresso legali. Dire che i muri non funzionano è una grande bugia”, ha aggiunto, ricordando il muro costruito da Israele.

La mossa consente alla Casa Bianca di avere oltre 8 miliardi di dollari per la costruzione del muro-anti immigrazione al confine meridionale degli Stati Uniti. I democratici guidati da Alexandria Ocasio-Cortez e da Joaquin Castro hanno già annunciato dura opposizione, con una legge in grado di bloccare la dichiarazione di emergenza.

Il 15 febbraio 2019 scadeva il termine per trovare un’intesa tra Dem e Repubblicani sul bilancio ed evitare nuovamente lo shutdown.

Il presidente Usa, Donald Trump, si è detto favorevole alla pena di morte per i trafficanti di droga, elogiando quanto avviene in Cina. Parlando dell’emergenza al confine con il Messico. “In Cina gli spacciatori di droga vengono puniti con una cosa chiamata pena di morte. Se vogliamo diventare intelligenti, possiamo diventare intelligenti. Possiamo fine al problema della droga molto più velocemente di quanto pensiamo”, ha detto ancora Trump.

Trump ha deciso di dichiarare “l’emergenza nazionale” per avere i fondi necessari alla costruzione della barriera al confine.

“Ho appena avuto l’opportunità di parlare con il presidente Trump e mi ha detto di essere pronto a firmare la legge di Bilancio. Allo stesso tempo dichiarerà l’emergenza nazionale”, ha riferito il senatore repubblicano McConnell.

“Gli ho risposto che mi preparerò e che sosterrò la dichiarazione di emergenza nazionale”.

Il dipartimento di Giustizia americano, tuttavia, ha già fatto sapere che i giudici potrebbero intervenire bloccando l’azione del presidente, secondo quanto riportato dalla Abc.

Lo stesso avvertimento è giunto anche dalla speaker della Camera, Nancy Pelosi, che ha promesso che lei e i dem sono pronti ad opporsi all’iniziativa del presidente.

“Dichiarare un’emergenza nazionale sarebbe un atto illegale, un grave abuso del potere presidenziale e un tentativo disperato di distrarre l’opinione pubblica per non far capire che non è riuscito ad ottenere i fondi federali per pagare il suo Muro, come promesso in campagna elettorale”, hanno detto i dem.

“Non è riuscito a convincere il Messico, il popolo americano o i suoi rappresentanti eletti a pagare per il suo Muro inefficiente e costoso, quindi ora sta cercando di aggirare il Congresso per avere i fondi necessari”.

Shutdown traduzione – Shutdown letteralmente è la traduzione di “spegnimento” o “arresto”. Nel lessico giornalistico questa espressione significa più propriamente il blocco delle attività amministrative negli Stati Uniti.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Si verifica quando nel Congresso non c’è accordo sull’approvazione dei finanziamenti ai vari dipartimenti (paragonabili ai nostri ministeri) e quindi si ha una mancanza di fondi per le spese del Governo federale.