Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:09
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La foto simbolo dei bambini separati dai genitori negli Usa non è quello che sembra

Immagine di copertina

Il presidente Trump ha annunciato che metterà termine alla politica con cui oltre 2mila minori sono stati separati dalle famiglie

Trump bambini in gabbia

Negli ultimi giorni è circolata una foto che mostra un bambino piccolo apparentemente dentro una gabbia. L’immagine è stata collegata alla vicenda dai bambini separati dai genitori al confine meridionale degli Stati Uniti.

La diffusione della foto è dovuta soprattutto al tweet di Jose Antonio Vargas, giornalista e regista di origini filippine, che ha ricevuto insieme ad altri reporter il premio Pulitzer for breaking news reporting per l’inchiesta sul massacro del Virginia polytechnic institute del 2007.

“Ecco cosa succede quando un governo ritiene che le persone siano illegali. Bambini in gabbia”.

La foto è circolata sui social spesso con frasi che descrivevano il bambino come detenuto dalla U.S. Immigration and Customs Enforcement (ICE) e criticavano la politica sull’immigrazione dell’amministrazione Trump.

Tuttavia, in realtà, come svelato dal sito di debunking Snopes, la foto è stata ritagliata.

Alcuni commentatori avevano addirittura sostenuto che si trattasse di una foto scattata durante l’amministrazione Obama, ma in realtà è emersa una verità differente.

La fotografia è stata scattata il 10 giugno 2018, ma non mostra un bambino chiuso dall’autorità dell’immigrazione in una gabbia.

Invece è stata scattata durante una protesta allestita di fronte al municipio di Dallas per richiamare l’attenzione sulla pratica dell’amministrazione Trump di separare le famiglie e confinare i minori privi di documenti.

Diverse altre fotografie documentano che lo stesso bambino era in piedi su una “gabbia” aperta sulla parte superiore.

Anche se questa foto non si riferisce a un bambino separato dai genitori, la politica di “tolleranza zero” dell’amministrazione Trump ha portato alla separazione di 2342 bambini tra il 5 maggio e il 9 giugno 2018.

Il presidente, dopo l’intervento di varie organizzazioni per i diritti umani, della moglie Melania Trump e di Papa Francesco, ha annunciato che porrà fine a questa politica.

Non è chiaro se i bambini separati dai genitori finora potranno essere ricongiunti loro e come eventualmente le autorità interverranno per ottenere questo risultato.

Altre foto e video ottenuti dai reporter mostrano i bambini chiusi in gabbie con il pavimento di cemento, lontani dalle loro famiglie.

Migranti, l’atroce audio del pianto dei bambini separati forzatamente dai loro genitori al confine Usa
Una bambina separata dai genitori piange disperata al confine Usa: la foto simbolo dello sdegno per le politiche di Trump
Stati Uniti, perché i bambini migranti vengono separati dalle famiglie al confine
Ti potrebbe interessare
Esteri / I video dell’esecuzione dei civili a Bucha: le nuove prove pubblicate dal New York Times
Economia / Il paradosso delle sanzioni: dall’invasione l’Italia ha quadruplicato le importazioni di petrolio russo
Esteri / Sfida sui ghiacci: la guerra dell’Artico tra Nato e Russia
Ti potrebbe interessare
Esteri / I video dell’esecuzione dei civili a Bucha: le nuove prove pubblicate dal New York Times
Economia / Il paradosso delle sanzioni: dall’invasione l’Italia ha quadruplicato le importazioni di petrolio russo
Esteri / Sfida sui ghiacci: la guerra dell’Artico tra Nato e Russia
Esteri / La figlia di Putin sta con uno Zelensky: la relazione segreta di Katerina con il coreografo Igor
Cronaca / Mali, tre italiani e un togolese rapiti da uomini armati: sequestrata una coppia con bambino
Esteri / Nato, Mosca alla Svezia: “Convochi referendum, il sostegno è basso”
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Fase finale sarà più sanguinosa". Mosca: "Azovstal è nostra"
Esteri / Vaiolo delle scimmie, l’Oms avverte: “Quadro in rapida evoluzione”
Esteri / Sparatoria in una scuola in Germania: almeno un ferito, fermato un sospetto
Esteri / La gaffe di George W. Bush: “La brutale invasione dell’Iraq… volevo dire “dell’Ucraina” | VIDEO