Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Papa Francesco critica la linea dura sui migranti di Trump e Salvini

Immagine di copertina
Papa Francesco. Credit: Afp

In una intervista il Pontefice ha definito "immorale" la decisione degli Usa di separare le famiglie dei migranti e si è espresso sulla chiusura dei porti voluta dal governo italiano

Papa Francesco si schiera contro le politiche sull’immigrazione del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e dei populisti.

In una intervista rilasciata all’agenzia di stampa britannica Reuters il Pontefice ha duramente criticato la decisione di Trump di separare le famiglie di migranti al confine con il Messico e ha bacchettato il governo italiano per aver chiuso i porti nazionali alla nave Aquarius, carica di migranti provenienti dall’Africa.

Sul fronte americano il Santo Padre ha dichiarato di condividere le dichiarazioni dei vescovi cattolici statunitensi che hanno definito il provvedimento della Casa Bianca “immorale” e “contrario ai nostri valori”.

Quanto alla chiusura dei porti italiani, invece, Bergoglio ha espresso una posizione contraria al provvedimento preso dal governo, ma con una nota critica anche per l’Unione europea.

“Credo che tu non possa rifiutare le persone che arrivano. Devi riceverli, aiutarli, accudirli, accompagnarli e poi vedere dove metterli, ma in tutta Europa”, ha detto.

Secondo il Papa, il populismo non è la risposta ai problemi globali dell’immigrazione.

“Non è facile, ma i populismi non sono la soluzione”, ha osservato. “Alcuni governi ci stanno lavorando e le persone devono essere sistemate nel miglior modo possibile, ma creare psicosi non è la cura”.

“Il populismo non risolve le cose. Ciò che risolve le cose è l’accettazione, lo studio, la prudenza”, ha aggiunto Francesco.

Il Pontefice ha anche sottolineato che le società europee stanno invecchiando e devono affrontare “un grande inverno demografico”: per questo c’è bisogno di più immigrati.

Senza immigrazione, l’Europa “diventerà vuota”, ha fatto notare

Durante l’intervista, realizzata domenica 17 giugno 2018, Bergoglio ha spiegato di essere schierato dalla parte dell’Episcopato e ha affermato che il futuro della Chiesa cattolica è “per la strada”, annunciando di voler nominare più donne a capo dei dipartimenti vaticani, perché sono più brave a risolvere i conflitti.

Il Santo Padre, infine, ha espresso “dolore” per la decisione del presidente americano Trump di ritirarsi dall’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici. “È in gioco il futuro dell’umanità”, ha detto.

Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Afghanistan è senza vaccini, e i bambini pagano il prezzo dell’egoismo dei paesi ricchi
Esteri / “Pipistrelli vivi in gabbia”: il video che smentisce l’Oms | VIDEO
Esteri / “L’Ultimo G7”. La Cina irride l’Occidente, tranne l’Italia: “Lupo che resiste agli Usa”
Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Afghanistan è senza vaccini, e i bambini pagano il prezzo dell’egoismo dei paesi ricchi
Esteri / “Pipistrelli vivi in gabbia”: il video che smentisce l’Oms | VIDEO
Esteri / “L’Ultimo G7”. La Cina irride l’Occidente, tranne l’Italia: “Lupo che resiste agli Usa”
Esteri / Nato, i leader: "Da Cina e Russia minacce alla sicurezza". Draghi: "Riaffermare alleanza Usa"
Esteri / Putin: "Navalny? Non abbiamo l'abitudine di assassinare nessuno"
Esteri / Scandalo 1MDB: ex rapper dei Fugees accusato di pressioni per convincere Trump a non indagare
Esteri / Sversamento di idrocarburi a largo della Corsica: “Si rischia il disastro ambientale”
Esteri / Sudan, scarcerato Marco Zennaro: l'imprenditore italiano è ai domiciliari in hotel 
Esteri / Israele chiude la più importante organizzazione sanitaria palestinese. A rischio lotta al Covid
Esteri / Nuovi raid in Siria, bombardato un ospedale ad Afrin: almeno 18 morti