Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Tre soldati turchi sono stati uccisi in un raid aereo nel nord della Siria

Immagine di copertina

L'esercito turco accusa il governo di Damasco. Si tratterebbe delle prime vittime turche provocate dal regime siriano dopo l'inizio dell'offensiva lungo il confine

L’esercito turco ha reso noto che tre soldati sono stati uccisi nella notte traa mercoledì e giovedì 24 novembre in un raid aereo che sospettano essere stato condotto dalle forze aeree siriane nel nord della Siria. Se l’ipotesi fosse confermata, si tratterebbe delle prime perdite della Turchia a causa di attacco di Damasco da quando Ankara ha lanciato l’offensiva in Siria tre mesi fa.

Il raid è avvenuto durante un’operazione dei ribelli sostenuta dalla Turchia. I militari hanno detto che altri 10 soldati sono stati feriti nell’attacco, ma non hanno riferito dove questo sia accaduto precisamente.

Il regime siriano guidato da Bashar al-Assad non ha commentato l’accaduto, ma lo scorso ottobre ha definito la presenza delle truppe turche sul suolo siriano una “aperta violazione della sovranità siriana” e ha avvertito che avrebbe abbattuto gli aerei da guerra turchi che fossero entrati nel suo spazio aereo.

Fonti ospedaliere e di polizia avevano in precedenza accusato i miliziani dell’Isis per l’attacco notturno e hanno riferito che ha avuto luogo nella regione di al-Bab.

L’offensiva dei ribelli, chiamata operazione Euphrates Shields è stata lanciata ad agosto con lo scopo di respingere i miliziani del sedicente Stato islamico dal confine turco. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan mira inoltre a contenere le milizie dell’Unità di protezione popolare (Ypg), sostenuta dagli Stati Uniti e ritenuta un’estensione del Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk) in Turchia.

—LEGGI ANCHE: PERCHÉ LA TURCHIA ORA FA LA GUERRA IN SIRIA
Ti potrebbe interessare
Esteri / Aborto, negli Stati Uniti stop in 66 cliniche dopo la sentenza della Corte Suprema
Esteri / Barboncino salta sul telecomando e compra accidentalmente 70 dollari di film per adulti
Esteri / Vladimir Kara-Murza, l’oppositore di Putin incarcerato e accusato di “alto tradimento”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Aborto, negli Stati Uniti stop in 66 cliniche dopo la sentenza della Corte Suprema
Esteri / Barboncino salta sul telecomando e compra accidentalmente 70 dollari di film per adulti
Esteri / Vladimir Kara-Murza, l’oppositore di Putin incarcerato e accusato di “alto tradimento”
Esteri / Russia, la minaccia atomica spaventa le élite militari di Mosca: “Pronti a rovesciare Putin”
Esteri / Parlamento Ue: “Europa prepari risposta in caso di attacco nucleare russo”
Esteri / Il giovane re degli scacchi accusato di aver barato più di 100 volte: forse “guidato con un vibratore”
Esteri / Al via il vertice di Praga: sul tavolo il tetto parziale al prezzo del gas
Esteri / Boom di antidepressivi in Russia dopo la “chiamata alle armi” di Putin: + 120%
Esteri / Forze Ucraina verso Kherson, sul tank russo sventola bandiera bianca. Il video
Esteri / Corea del Nord, nuovo lancio di missili balistici verso Mar del Giappone