Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Tre siriani hanno chiesto asilo a una chiesa della Norvegia

Immagine di copertina

I rifugiati rischiano di essere deportati in Russia e per questo si sono rifugiati in una parrocchia norvegese

Tre profughi siriani hanno chiesto asilo in una chiesa della Norvegia artica per paura di essere deportati in Russia. Giovedì 21 gennaio 2016 due uomini e una donna sono arrivati nella chiesa di rito protestante della cittadina di Kirkenes. Provenivano da un centro migranti poco lontano.

“Hanno chiesto asilo alla chiesa”, ha reso noto Wenche Jessem Dervola, uno degli amministratori della parrocchia di Sør-Varanger. Il consiglio della parrocchia ha stabilito che i richiedenti asilo potranno rimanere nell’edificio e ha dichiarato di volersi accertare di quali siano le loro necessità e desideri.

L’agenzia norvegese per i rifugiati (Noas) ha preso contatto con loro. La polizia, che presidia l’esterno della chiesa, è stata informata della situazione. Il capo della polizia locale, che è anche un membro dell’amministrazione della parrocchia, si è astenuto dalla decisione del consiglio, ha riferito l’agenzia norvegese Ntb.

Secondo la stessa agenzia, i due cittadini norvegesi che avevano condotto in macchina i profughi fino alla chiesa sono stati arrestati. Le temperature della giornata di giovedì si aggiravano intorno ai -25 gradi centigradi.

Martedì 19 gennaio, la polizia norvegese aveva deportato 13 persone in Russia. Si trattava di siriani, afghani, yemeniti e pachistani. Un secondo gruppo sarebbe dovuto partire giovedì. Non è stato possibile verificare se le tre persone che si sono rifugiate nella chiesa fossero tra quelle destinate a partire.

Il governo conservatore norvegese ha risposto alla crisi dei rifugiati che sta riguardando l’Europa inasprendo le proprie regole in materia. Secondo quanto dichiarato dal governo stesso, 31mila degli arrivi del 2015 non avevano diritto a protezione.

Le misure varate includono la deportazione in Russia di chiunque abbia un permesso di soggiorno a lungo termine in quel paese. Oslo è stata accusata di violare i diritti dei richiedenti asilo negando loro la possibilità di ricorrere in appello.

Circa 5mila richiedenti asilo sono arrivati in Norvegia attraverso la Russia nel 2015. In totale, sono 30mila i richiedenti asilo che hanno raggiunto il paese nello stesso anno. Durante il medesimo arco di tempo, la Germania ha accolto oltre un milione di richiedenti asilo.

La Norvegia, che non fa parte dell’Unione europea, è uno dei paesi più ricchi in termini di reddito pro-capite, grazie a decenni di rendite petrolifere e gas naturale.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane