Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:02
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Blair ha chiesto scusa per la guerra in Iraq

Immagine di copertina

In un'intervista alla Cnn l'ex premier britannico ha ammesso gli errori commessi nella guerra in Iraq che hanno contribuito alla nascita dell'Isis

In un’intervista rilasciata all’emittente statunitense Cnn, l’ex premier britannico Tony Blair ha per la prima volta chiesto scusa per gli errori commessi nell’ambito della guerra in Iraq del 2003, episodio che ha portato, in seguito alla caduta di Saddam Hussein, alla destabilizzazione dell’Iraq e, tra le altre cose, alla nascita dell’Isis.

Queste le parole di Tony Blair:

“Posso dire che mi scuso per il fatto che le informazioni d’intelligence che abbiamo ricevuto erano errate, perché nonostante Saddam Hussein avesse usato le armi chimiche in maniera estensiva contro la sua stessa popolazione, il programma di riarmo non esisteva nel modo in cui l’avevamo pensato. Mi scuso per gli errori commessi nella pianificazione, e certamente per il nostro errore nel capire cosa sarebbe accaduto una volta destituito il regime

Trovo difficile scusarmi per aver rimosso Saddam. Io penso, anche oggi nel 2015, che sia meglio che lui non sia più là. Ovviamente non posso dire che noi che rimuovemmo Saddam nel 2003 non abbiamo responsabilità per la situazione del 2015″.

Nel parlare di come l’intervento abbia in qualche modo contribuito alla nascita dell’Isis, Blair ha poi riferito che “è importante capire come la Primavera Araba, iniziata nel 2011, abbia avuto il suo impatto anche sull’Iraq di oggi, e l’Isis è emerso dalla sua base in Siria”.

Blair ha poi concluso dicendo: “Io allora ho fatto ciò che pensavo fosse giusto. Poi su questo ognuno ha il diritto di avere il proprio giudizio, e io sono pronto ad accettare quello della storia”.

L’intervista di Tony Blair alla Cnn:


Ti potrebbe interessare
Esteri / Aereo scompare dai radar dopo il decollo in Nepal: a bordo 22 persone
Esteri / Putin è malato? Una spia russa: “Ha 3 anni di vita”
Esteri / Finale di Champions, caos ai cancelli: la polizia usa lacrimogeni e spray contro i tifosi | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Aereo scompare dai radar dopo il decollo in Nepal: a bordo 22 persone
Esteri / Putin è malato? Una spia russa: “Ha 3 anni di vita”
Esteri / Finale di Champions, caos ai cancelli: la polizia usa lacrimogeni e spray contro i tifosi | VIDEO
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Putin ai leader europei: “Pronti a riprendere dialogo ma basta armi”. Nessun referendum di annessione a Kherson
Esteri / Pilota in pensione torna a combattere per Putin, ma muore in battaglia
Esteri / Spara sulla folla per un mancato parcheggio: una donna lo uccide a colpi di pistola
Esteri / La Cina ritira dalla circolazione un libro scolastico di matematica: “È pornografico”
Esteri / L’aereo Ita non risponde al centro radar: allarme nei cieli della Francia
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Zelensky: “Il Donbass sarà di nuovo ucraino”. Putin a Macron e Scholz: “Pronti al dialogo con Kiev”. L’Ue valuta missione navale per trasportare il grano ucraino
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”