Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il territorio controllato dall’Isis in Siria e Iraq si è ridotto

Immagine di copertina

In Iraq la riduzione sarebbe del 40 per cento. Mentre in Siria il sedicente Stato islamico ha perso il 20 per cento dei suoi possedimenti nel 2015

Il territorio controllato dall’Isis si è ridotto del 40 per cento in Iraq, rispetto alla sua massima espansione, e del 20 per cento in Siria nel corso del 2015, grazie principalmente alla campagna aerea intrapresa dalla coalizione internazionale sotto la guida degli Stati Uniti.

Lo ha annunciato martedì 5 gennaio 2016 il portavoce della coalizione americana, il colonnello Steve Warren, in una conferenza stampa a Baghdad.

“Crediamo che i territori persi dall’Isis in Iraq siano pari a circa il 40 per cento, mentre per quanto riguarda la Siria è difficile realizzare una stima precisa, ma pensiamo intorno al 20 per cento”, ha precisato Warren.

“Considerando i territori di Siria e Iraq nel loro complesso, il sedicente Stato islamico ha perso all’incirca il 30 per cento del territorio che controllava”.

Nel 2014 l’Isis aveva in mano un terzo dell’Iraq, con la conquista di Mosul, la principale città del nord, arrivando quasi nelle vicinanze della capitale Baghdad.

La controffensiva guidata dalle forze armate irachene e curde, supportate dalla coalizione guidata dagli Stati Uniti e dalle milizie sciite spalleggiate dall’Iran, è riuscita a sradicarli da numerose città, tra cui Tikrit, a nord di Baghdad, e Ramadi, nell’ovest dell’Iraq, a dicembre 2015.

Le forze che combattono contro il sedicente Stato islamico in Siria sono l’esercito del presidente Bashar al-Assad, una serie di altri gruppi ribelli che si oppone al regime siriano e all’Isis, e le forze curde presenti nel nord del paese.

Oltre alla coalizione guidata dagli Stati Uniti, che comprende anche le forze aeree francesi, in Siria anche la Russia sta conducendo una campagna di raid aerei contro l’Isis. Diversamente da Washington, tuttavia, i raid di Mosca sono volti a sostenere il governo di Assad.

A dicembre del 2015, il primo ministro iracheno Haider al-Abadi ha affermato che questo nuovo anno sarà l’anno della vittoria finale sull’Isis.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari