Covid ultime 24h
casi +23.641
deceduti +307
tamponi +355.024
terapie intensive +46

Un migrante è morto al confine tra Grecia e Macedonia

Da giorni sono in corso tensioni tra migranti e polizia. È la seconda persona dal 28 novembre a restare uccisa al confine

Di TPI
Pubblicato il 3 Dic. 2015 alle 17:18 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 19:44
0
Immagine di copertina

Un migrante proveniente dal Marocco ha perso la vita al confine tra Grecia e Macedonia. Il fatto è avvenuto nel secondo giorno di scontri tra la polizia e i migranti che da settimane sono bloccati nella città di Idomeni.

Il migrante sarebbe morto a causa di una scossa elettrica. 

3.000 migranti, provenienti soprattutto da Pakistan, Iran e Marocco, sono attualmente accampati nella città di Idomeni in condizioni di precarietà estrema e sono in attesa di entrare in Macedonia e proseguire il loro viaggio verso il nord Europa. 

(Il tweet del giornalista della Bbc Chris Morris)

È il secondo migrante che perde la vita da quando, sabato 28 novembre, un altro uomo, probabilmente sempre di origine marocchina, è rimasto folgorato a Idomeni nel tentativo di salire sul tetto di un vagone ferroviario. 

Sempre più persone sono accampate al freddo nel territorio greco adiacente alla frontiera macedone. Si tratta di uomini donne e bambini che chiedono di poter oltrepassare i confini della Macedonia per giungere l’Europa settentrionale. Crescono ogni giorno le tensioni tra migranti e polizia locale.

(Il tweet del giornalista freelance Sergey Ponomarev)

In seguito all’arrivo di centinaia di migliaia di migranti, le autorità macedoni hanno deciso di erigere un recinto di metallo per impedire l’accesso ai migranti che non fossero di nazionalità siriana, irachena e afghana, i quali, provenendo da zone in conflitto, hanno maggiore possibilità di vedersi accettata la richiesta di asilo in Europa.

Diverse centinaia di migranti esclusi dal passaggio hanno iniziato a protestare nella giornata di mercoledì 2 dicembre, bloccando l’attraversamento della frontiera ai siriani, agli afghani e agli iracheni. I manifestanti hanno scandito slogan come: “non passiamo noi, non passa nessuno”. 

Il governo Greco ha invitato le persone bloccate al confine e che sono accampate a Idomeni, di recarsi ad Atene per richiedere il diritto di asilo. La Grecia sarebbe disposta ad accoglierli. La situazione, però, non sembra migliorare.

(Il tweet di Chiara Montaldo, Medici senza Frontiere)

Giovedì 3 dicembre, l’Alto commissariato per i rifugiati delle Nazioni Unite (Unhcr) ha espresso “forte preoccupazione per la situazione di tensione e violenza al confine tra Grecia ed ex Repubblica Jugoslava di Macedonia”. L’Unhcr chiede alle autorità di entrambi i Paesi di gestire i confini nel pieno rispetto dei diritti umani e dei principi di protezione dei rifugiati.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.