Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

I Taliban diffondono il video di due ostaggi occidentali rapiti cinque mesi fa

Immagine di copertina

I due professori, un americano e un australiano, erano stati rapiti dall'Università americana di Kabul ad agosto del 2016. Ora chiedono a Trump di intervenire

I Taliban afghani hanno diffuso mercoledì 11 gennaio 2017 un video che mostra per la prima volta i due ostaggi, un americano e un australiano, rapiti da Kabul, in Afghanistan, ad agosto del 2016.

Si tratta di Timothy Weekes, australiano, e Kevin King, americano, entrambi professori presso l’Università americana di Kabul, dalla quale sono stati sequestrati cinque mesi fa.

Il video, ripreso il primo gennaio, mostra i due uomini, entrambi con la barba lunga, che chiedono alle rispettive famiglie di fare pressioni sul governo americano affinché negozi il loro rilascio.

Rivolgendosi al presidente eletto Donald Trump, che si insedierà il 20 gennaio, Weekes ha detto che i Taliban chiedono la liberazione dei compagni detenuti nella base aerea di Bagram e nella prigione di Pul-e-Charkhi.

“Sono detenuti illegalmente e i Taliban vogliono che siano rilasciati e scambiati con noi. Se non accadrà ci uccideranno”, dice Weekes nel video.

“Donald Trump, le chiedo per favore, è nelle sue mani”, dice l’uomo in lacrime. “Le chiedo per favore di negoziare con i Taliban. Se non negozia con loro, saremo uccisi”.

A settembre 2016, il Pentagono aveva dichiarato che le forze degli Stati Uniti avevano compiuto un raid per liberare i due ostaggi, ma gli uomini non si trovavano nel luogo attaccato.

I sequestri sono particolarmente diffusi in Afghanistan. La maggior parte delle vittime sono afghani e i rapitori appartengono in genere a bande criminali che chiedono riscatti. 

Le vittime straniere, invece, solitamente sono rapite per scopi politici.

Nel 2016, un altro video diffuso dai Taliban mostrava un ostaggio americano e il marito canadese rapiti nel 2012 e chiedeva ai loro governi di convincere Kabul a non giustiziare i prigionieri Taliban.

(qui sotto il video degli ostaggi Weekes e King diffuso dai Taliban. Credit: YouTube)

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa