Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La Svezia frena sull’ospitalità ai migranti

Immagine di copertina

Il ministro della Giustizia e dell'Immigrazione svedese Morgan Johansson ha dichiarato che la Svezia d'ora in poi non potrà più garantire una sistemazione ai rifugiati

Il ministro svedese della Giustizia e dell’Immigrazione Morgan Johansson ha dichiarato nella giornata di giovedì 5 novembre che il governo svedese non potrà più garantire una sistemazione per i rifugiati che arriveranno nei prossimi mesi. 

“La Svezia non potrà più garantire un alloggio a tutti coloro che verranno. A chiunque arriverà verrà detto che non c’è nessun posto dove poter stare”, ha detto il ministro Johansson.

A causa della mancanza di alloggi, l’Agenzia per l’immigrazione ospiterà i 50 profughi che sono attesi in Svezia nella propria sede. 

Il governo ha chiesto aiuti all’Unione Europea per sostenere il numero record di richiedenti asilo, che sarebbe arrivato a 190mila dall’inizio del 2015 secondo quanto riportato dall’Agenzia per l’immigrazione svedese. Il doppio rispetto al precedente record raggiunto nei primi anni Novanta.

Il problema è la redistribuzione dei migranti, la Svezia ha sinora accolto il più alto numero di rifugiati pro capite nell’Unione Europea. Vuole adesso che il piano di ricollocamento venga rivisto in maniera che il suo peso non gravi principalmente sulla Svezia. 

La Commissione europea non nasconde le difficoltà che si sono presentate e si presenteranno per accogliere coloro che hanno abbandonato i propri Paesi per ragioni politiche o economiche. Nonostante questo, segnala che, entro qualche anno, l’arrivo dei migranti potrebbe influire in maniera positiva sulla situazione finanziaria dei Paesi ospitanti.

Secondo un report diffuso recentemente dall’Unione europea, entro la fine del 2016 altri 3 milioni di migranti potrebbero raggiungere l’eurozona, oltre ai 700mila già arrivati dall’inizio del 2015.

Circa 600mila migranti sarebbero attesi tra novembre 2015 e febbraio 2016, secondo le statistiche dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), e tra questi, circa 5mila al giorno in Turchia.

— Leggi anche: 3 milioni di migranti in arrivo entro la fine del 2016 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato a New York
Esteri / Formentera, incendio distrugge il superyacht da 25 milioni di euro a pochi metri dalla spiaggia | VIDEO
Esteri / Troppe cause per rischio tumori: dal 2023 Johnson & Johnson non venderà più borotalco
Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato a New York
Esteri / Formentera, incendio distrugge il superyacht da 25 milioni di euro a pochi metri dalla spiaggia | VIDEO
Esteri / Troppe cause per rischio tumori: dal 2023 Johnson & Johnson non venderà più borotalco
Esteri / Costa Azzurra, ombrelloni e lettini soltanto ai bianchi. Stabilimenti accusati di razzismo
Esteri / Usa, l’attrice Anne Heche è cerebralmente morta, la famiglia: “Staccheremo la spina e doneremo gli organi”
Esteri / Rinasce Notre-Dame: ecco come sarà la cattedrale di Parigi dopo la ricostruzione | VIDEO
Esteri / Onu: L’esercito israeliano ha ucciso 19 bambini palestinesi in meno di una settimana
Esteri / Usa, a casa di Trump l’Fbi cercava documenti su armi nucleari: la rivelazione del Washington Post
Esteri / Nuovo attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia: scambio di accuse tra Kiev e Mosca
Esteri / Giallo a New York: due italiani trovati morti in un albergo