Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 13:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Sudan, polizia attacca sit-in di protesta: 60 morti

Immagine di copertina
Credit: ASHRAF SHAZLY / AFP

SUDAN MORTI MANIFESTANTI – Sale ad almeno 60 morti il bilancio delle vittime delle violenze a Khartoum, la capitale del Sudan, a causa dell’intervento della Polizia durante il sit-in di protesta che è in in corso da mesi davanti al quartier generale dell’esercito. A renderlo noto sono i gruppi medici dell’opposizione, secondo quanto riportato dalla Bbc.

L’unità paramilitare Forze di supporto rapido, riferisce l’emittente, continua ad attaccare i civili che manifestano contro i militari insediatesi al potere dopo la destituzione dell’ex presidente Omar al Bashir.

Alcuni testimoni, martedì 4 giugno, hanno riferito che sono stati sparati colpi d’arma da fuoco e che è stato dato fuoco ad alcune tende dei dimostranti, che chiedono una rapida transizione dei poteri ad un’autorità civile da parte della giunta militare che lo scorso aprile ha deposto l’ex presidente.

Nei giorni scorsi sono fallite le trattative per arrivare a un accordo su un governo condiviso tra il Consiglio militare di transizione e i gruppi di opposizione.

I negoziati, in particolare, vertono sulla composizione del Consiglio sovrano che, durante il periodo di transizione di tre anni concordato tra le parti, dovrebbe gestire gli affari correnti del Sudan e condurre il paese verso nuove elezioni.

I manifestanti vogliono ottenere una rapida transizione verso un governo civile, mentre da parte dell’esercito, che regge il potere dopo il colpo di stato, si punta a un Consiglio sovrano che sia guidato da militari.

“Consapevoli della nostra responsabilità storica, lavoreremo per raggiungere un accordo urgente che soddisfi le aspirazioni del popolo sudanese e gli obiettivi della gloriosa rivoluzione di dicembre”, si legge in una nota ufficiale diffusa il 21 maggio scorso dal Consiglio militare, che tuttavia non fornisce una data per la ripresa dei colloqui e accusa i manifestanti di non avere rispettato un’intesa sull’allentamento delle proteste mentre i colloqui erano in corso.

Sudan, ancora stallo nei colloqui per la formazione di un governo

Chi è Omar al-Bashir, presidente del Sudan destituito da un colpo di Stato

La potenza iconica della foto di Alaa Salah, la 22enne diventa simbolo delle proteste in Sudan

Ti potrebbe interessare
Esteri / Vettel contro Orban, al Gp d’Ungheria indossa la maglietta pro Lgbt: “Sostengo chi soffre, squalificatemi”
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vettel contro Orban, al Gp d’Ungheria indossa la maglietta pro Lgbt: “Sostengo chi soffre, squalificatemi”
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Esteri / Teologo musulmano critica i completi delle pallavoliste turche: “Siete sultani della fede, non dello sport”
Esteri / Variante Delta, Fauci: “Vaccinati o no, la contagiosità dei positivi è identica”
Esteri / Obbligo di vaccino per i dipendenti Google e Facebook
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Esteri / In Germania è iniziata ufficialmente la quarta ondata di Covid