Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:18
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Chi è Omar al-Bashir, presidente del Sudan destituito da un colpo di Stato

Immagine di copertina
Il presidente Omar al-Bshir ASHRAF SHAZLY/AFP

L’ormai ex presidente del Sudan, Omar al-Bashir, ha rassegnato le sue dimissioni dopo 30 anni l’11 aprile 2019 a seguito di un colpo di Stato dell’esercito sudanese.

Bashir stesso aveva preso il potere nel 1989 manu militari, quando era un colonnello.

Nato il primo gennaio 1944 nel villaggio di Hosh Bannaga da una famiglia di agricoltori, al-Bashir è cresciuto nella capitale del Sudan, Khartum.

Nel 1966 entrò nell’accademia militare, per poi combattere nel 1973 nelle file dell’esercito egiziano contro Israele nella guerra del Kippur. Una volta tornato in Sudan guidò le operazioni militari contro il Fronte di Liberazione Popolare per l’indipendenza del Sudan del Sud.

Al-Bashir continuò così la sua scalata nella gerarchia dell’esercito fino a quando non conquistò il potere del Sudan con un colpo militare nel 1989, a discapito del primo ministro Sadiq al-Mahdi.

Preso il controllo del paese, al-Bashir mise al bando tutti i partiti politici, impose la censura sulla stampa e sciolse il Parlamento, proclamandosi capo di Stato, primo ministro, capo delle forze armate e ministro della Difesa.

Nel 1999 il presidente decise anche di imporre nel paese la sharia e il Sudan fu inserito dagli Stati Unti nella lista dei sostenitori del terrorismo.

Dall’anno della presa del potere ad oggi, la tensione nel paese africano non si è mai del tutto sopita come dimostrano i diversi conflitti scoppiati in Sudan, primi tra tutti quelli in Darfur e in Kordofan.

Proprio in merito a questi scontri e a causa della reazione del Governo, il presidente al-Bashir nel 2009 fu incriminato per crimini di guerra e contro l’umanità in Darfur dalla Corte penale internazionale.

Negli anni i giudici hanno emesso due mandati di cattura per il capo di Stato del Sudan, a seguito dei quali la comunità internazionale ha imposto una serie di sanzioni contro il paese.

Gli Stati Uniti invece hanno decretato un embargo generale contro il Sudan, revocato a ottobre 2017. 

Nonostante il mandato di cattura internazionale, al-Bashir ha vinto le elezioni nel 2010 e nel 2015, quando l’opposizione decise di boicottare le urne in segno di protesta.

Il suo dominio sul Sudan è terminato l’11 aprile con un colpo di Stato.

>>Colpo di Stato in Sudan: dall’inizio delle proteste alla caduta del presidente Bashir
Ti potrebbe interessare
Esteri / La foto di famiglia del deputato Usa tra albero di Natale e armi. È polemica
Esteri / Francia, scontri al primo comizio di Zemmour: il candidato di estrema destra afferrato al collo
Esteri / “La vaccinazione può proteggere da questo”, ospedale tedesco mostra tutti farmaci usati contro il Covid in terapia intensiva
Ti potrebbe interessare
Esteri / La foto di famiglia del deputato Usa tra albero di Natale e armi. È polemica
Esteri / Francia, scontri al primo comizio di Zemmour: il candidato di estrema destra afferrato al collo
Esteri / “La vaccinazione può proteggere da questo”, ospedale tedesco mostra tutti farmaci usati contro il Covid in terapia intensiva
Cronaca / Aung San Suu Kyi condannata a quattro anni di carcere
Esteri / Papa Francesco a Lesbo tra i richiedenti asilo: “Fermiamo questo naufragio di civiltà”
Esteri / Orrore in Germania, cinque morti in una casa: tre sono bambini
Esteri / Il canale della morte: il fotoreportage sulla strage nella Manica su TPI
Esteri / Papa Francesco: “La morte va accolta, non somministrata”
Esteri / Studente italiano ucciso a New York, ferito anche un altro connazionale. Arrestato l'aggressore
Esteri / L’addio commosso di Angela Merkel: “Grazie per la fiducia”