Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Una studentessa si è spogliata davanti ai professori per protesta | VIDEO

Immagine di copertina

A New York una ragazza si è spogliata di fronte a compagni e professori per protestare contro le parole di una docente che aveva definito i suoi shorts "troppo corti"

A New York, presso la Cornell University, la studentessa Letitia Chai si è spogliata durante la discussione della sua tesi per protestare contro le parole di una professoressa.

La docente, Rebekah Maggor, che tiene il corso in “Performing and media arts”, l’aveva rimproverata per il suo abbigliamento, giudicato poco consono alla sede accademica.

Qualche giorno prima della cerimonia, in particolare, l’insegnante aveva detto alla studentessa che i suoi shorts erano troppo corti per essere indossati durante la discussione della tesi.

Nel video, condiviso dalla studentessa stessa su Facebook, la ragazza prima di spogliarsi dice: “Sono più che una ragazza asiatica, sono più di una donna, sono più di Letitia Chai”.

Mentre pronuncia queste parole inizia a togliersi i vestiti sino a restare in biancheria intima.

La ragazza prosegue dicendo “sono un essere umano” e, poco dopo, si rivolge alla platea: “Vi chiedo di unirvi a me e di guardare gli altri per ciò che siamo veramente”, dice.

Il suo discorso si conclude con “membri della razza umana, spogliatevi!”.

L’invito è stato accolto da alcuni studenti, che in segno di solidarietà si sono a loro volta spogliati e portati vicino alla studentessa.

La tesi della ragazza è intitolata “Acting in Public: Performance in Everyday Life” e parla del tema della questione dell’immigrazione e dell’integrazione dei profughi, concentrandosi su come queste persone dovrebbero essere accolte dalla nazione che li ospita.

La studentessa ha motivato il suo gesto come una risposta al rimprovero che le aveva fatto la docente sul suo abbigliamento.

“La professoressa ha continuato a dirmi, di fronte a tutta la mia classe, che stavo invitando lo sguardo maschile ad allontanarsi dal contenuto della mia tesi e a spostarsi sul mio corpo”, ha spiegato la ragazza.

“Ha detto che stavo facendo una dichiarazione indossando il mio vestito”.

La professoressa ha replicato pubblicamente alla ragazza.

“Io non dico ai miei studenti cosa indossare, né decido per loro ciò che costituisce un vestito appropriato”, ha sottolineato l’insegnante.

“Chiedo solo ai miei studenti che riflettano da soli e prendano le loro decisioni”, ha aggiunto.

Qui il video che mostra la protesta della ragazza durante la discussione della tesi:

Ti potrebbe interessare
Esteri / Papa Francesco a Lesbo tra i richiedenti asilo: “Fermiamo questo naufragio di civiltà”
Esteri / Orrore in Germania, cinque morti in una casa: tre sono bambini
Esteri / Il canale della morte: il fotoreportage sulla strage nella Manica su TPI
Ti potrebbe interessare
Esteri / Papa Francesco a Lesbo tra i richiedenti asilo: “Fermiamo questo naufragio di civiltà”
Esteri / Orrore in Germania, cinque morti in una casa: tre sono bambini
Esteri / Il canale della morte: il fotoreportage sulla strage nella Manica su TPI
Esteri / Papa Francesco: “La morte va accolta, non somministrata”
Esteri / Studente italiano ucciso a New York, ferito anche un altro connazionale. Arrestato l'aggressore
Esteri / L’addio commosso di Angela Merkel: “Grazie per la fiducia”
Esteri / Copenaghen, 31 persone trascorrono la notte nel negozio Ikea isolato dalla neve
Esteri / Un quiz per scoprire quanto ne sai sull’Hiv (e smontare le false credenze)
Esteri / India, i bambini muoiono per lo smog. Un decesso su dieci sotto i cinque anni è per l’inquinamento
Esteri / Dalla Francia a Israele: le notizie dal mondo di questa settimana