Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:21
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Strage Nuova Zelanda, la squadra di cricket del Bangladesh sopravvissuta all’attacco alla moschea

Immagine di copertina
La Bangladesh cricket board (bcb)

Una delle sparatorie è avvenuta nella moschea di Al Noor, dove si stava recando la squadra di cricket del Bangladesh

“Questo è uno dei giorni più bui della Nuova Zelanda” ha dichiarato la prima ministra Jacinta Arden, parlando alla nazione dopo il durissimo attacco alle due moschee a Christchurch avvenuto nelle prime ore di venerdì 15 marzo 2019.

Alcune persone hanno aperto il fuoco contro i fedeli musulmani provocando la morte di 50 persone. Secondo le prime ricostruzioni, quattro assalitori hanno preso di mira le due moschee ammazzando a sangue freddo i fedeli. La polizia ha arrestato tre uomini e una donna, tra questi un australiano di 28 anni, Brenton Tarrant [chi è], che avrebbe rivendicato la responsabilità degli attacchi con un manifesto anti-immigrati di 74 pagine.

Sui social era stato pubblicato un video in diretta della sparatoria, poi rimosso. Il filmato è arrivato anche alla redazione di TPI, che qui ne ha pubblicato una versione parziale.

Uno degli attacchi è avvenuto nella moschea di Al Noor, dove c’era anche la squadra di cricket del Bangladesh. Mario Villavarayen, il coach della nazionale, ha fatto sapere che i giocatori stanno bene. I ragazzi secondo le prime ricostruzioni sono scampati dall’attentato.

La partita internazionale di cricket tra la Nuova Zelanda e il Bangladesh è stata cancellata proprio dopo che i giocatori della squadra ospite si sono salvati dalla sparatoria.

L’amministratore delegato della Nuova Zelanda Cricket, David White, ha affermato che è stata presa una “decisione congiunta” per annullare il match programmato per sabato 16 marzo a Christchurch.

“A nome della Nuova Zelanda, il Cricket porge sentite condoglianze a coloro che sono stati colpiti nell’attacco”, ha detto White. “Ho parlato con il mio omologo del Bangladesh – siamo d’accordo che non è appropriato giocare a cricket in questo momento”.

I giocatori del team di cricket del Bangladesh hanno descritto sui social come hanno evitato per un pelo la sparatoria nella moschea. I ragazzi e i membri dello staff tecnico della squadra erano sull’autobus diretti alla moschea Masjid Al Noor di Hagley Park quando sono iniziati gli spari.

Un portavoce della squadra del Bangladesh ha detto che tutti i giocatori sono rientrati al sicuro in hotel.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra Israele-Hamas, le ultime notizie. | DIRETTA
Esteri / Navalny, ultimatum alla madre: funerale segreto o sepoltura in carcere
Esteri / Ucraina: gli Usa annunciano la più grande serie di sanzioni contro la Russia dall’inizio della guerra
Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra Israele-Hamas, le ultime notizie. | DIRETTA
Esteri / Navalny, ultimatum alla madre: funerale segreto o sepoltura in carcere
Esteri / Ucraina: gli Usa annunciano la più grande serie di sanzioni contro la Russia dall’inizio della guerra
Esteri / Germania: via libera dal Bundestag alla liberalizzazione della cannabis
Esteri / È nata un’app di incontri riservata a persone molto benestanti: come funziona “Score”
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: “Lanceremo una nuova controffensiva”
Esteri / Spagna, incendio brucia un mega-condominio a Valencia: 4 morti, 14 feriti e 14 dispersi
Esteri / Israele, Netanyahu presenta il suo “Piano per il dopo Hamas” a Gaza. Ecco cosa prevede
Esteri / Israele chiede all'Onu di intervenire contro Hezbollah, "o lo faremo noi". Germania: vittime palestinesi denunciano il cancelliere Scholz per "complicità in genocidio"
Esteri / I Paesi Baltici annunciano un’area di difesa comune, Grigore-Kalev Stoicescu a TPI: “Siamo pronti a difenderci dalla Russia”