Spero vi ricorderete di noi: l’ultimo appello da Aleppo

Sono gli ultimi giorni. Spero possiate fare qualcosa per la popolazione di Aleppo. Volevamo essere liberi. Spero vi ricorderete di noi. L'appello di un insegnante siriano

Di TPI
Pubblicato il 14 Dic. 2016 alle 12:54 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 17:57
0
Immagine di copertina

“Spero vi ricorderete di noi”. Un insegnante di Aleppo, in Siria, condivide in questo video un ultimo appello straziante mentre le forze governative prendono il controllo della città.

“Le milizie di Assad sono a 300 metri da noi. Non c’è un posto dove possiamo andare. Sono gli ultimi giorni. Davvero spero possiate fare qualcosa per la popolazione di Aleppo. Volevamo essere liberi. Spero vi ricorderete di noi”.

— LE NOSTRE STORIE SUL CAMPO:

– Le donne di Aleppo est che preferiscono suicidarsi pur di non essere stuprate

– Ad Aleppo tutti aspettano solo il proprio turno di morire, di Francesca Mannocchi 

– Lettera da Aleppo. La società civile che resiste alla catastrofe, di Lorenzo Trombetta 

– “Forse questo è il mio ultimo SOS”. L’appello del medico legale di Aleppo, di Asmae Dachan 

– Ad Aleppo non sappiamo più dove seppellire i cadaveri

– Io ex membro dei servizi segreti di Assad vi racconto le torture nelle carceri siriane

– Gli angeli della Siria, di Asmae Dachan

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.