Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La sparatoria in una scuola del Canada

Immagine di copertina

Un uomo armato ha ucciso i suoi due fratelli prima di fare irruzione e aprire il fuoco in una scuola di La Loche, nella provincia di Saskatchewan: 4 morti

Quattro persone sono rimaste uccise e molte altre ferite in una sparatoria che è avvenuta venerdì 22 gennaio 2016 in Canada. Un uomo armato ha prima sparato ai suoi due fratelli, in casa, e poi sarebbe uscito e avrebbe aperto il fuoco in una scuola nella città di La Loche, nella provincia canadese di Saskatchewan.

La Loche si trova a circa 600 chilometri a nord di Saskatoon, città più popolosa della provincia di Saskatchewan. Le autorità non hanno ancora motivato la sparatoria, né identificato il sospettato o le vittime. 

Si tratta del più grave caso di violenza in una scuola in Canada da dieci anni a questa parte.

Secondo le ricostruzioni delle autorità, l’uomo che ha aperto il fuoco sarebbe stato arrestato e gli studenti della scuola sono stati portati in un luogo sicuro.

Il primo ministro canadese, il liberale Justin Trudeau, al potere dal novembre del 2015, si trova all’estero in occasione del World Economic Forum di Davos, in Svizzera.

Le sparatorie nelle scuole sono “l’incubo peggiore di ogni genitore”, ha detto Trudeau da Davos, ringraziando anche “i primi soccorritori che hanno agito rapidamente e con coraggio”.

I testimoni nella scuola hanno raccontato di aver sentito urla e che oltre sei colpi sono stati esplosi.

Kevin Janvier, attuale sindaco di La Loche, ha detto che sua figlia di 23 anni Marie, un’insegnante, è stata una delle vittime.

Ha anche affermato di essere stato informato dalla polizia che l’uomo armato aveva sparato ai due suoi fratelli prima di dirigersi verso la scuola.

Le sparatorie in Canada sono poco frequenti, anche a causa del fatto che il paese vanta leggi sulle armi ben più severe rispetto a quelle in vigore negli Stati Uniti.

La più grave sparatoria del paese in una scuola risale al 1989, quando 14 studenti rimasero uccisi alla Montreal’s Ecole Polytechnique. Un’altra sparatoria nel 1992 alla Concordia University di Montreal causò la morte di quattro persone.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scandalo dei Facebook Papers parla chiaro: va tolto subito a Zuckerberg il potere sui nostri dati
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scandalo dei Facebook Papers parla chiaro: va tolto subito a Zuckerberg il potere sui nostri dati
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Esteri / I Maneskin alla conquista degli Usa: apriranno il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas
Esteri / Allarme in Europa: rubate le chiavi per generare Green pass. Nel dark web quello “funzionante” di Hitler
Esteri / Scandalo Facebook, Zuckerberg a un passo delle dimissioni
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri