Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:28
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La Slovenia al voto per i diritti degli omosessuali

Immagine di copertina

I cittadini sono chiamati alle urne per un referendum che stabilirà se mantenere inalterata la legge che concede il diritto di matrimonio e adozione alle coppie gay

Domenica 20 dicembre i cittadini sloveni sono chiamati alle urne in occasione di un referendum sui diritti delle coppie omosessuali. Nello specifico, dovranno esprimersi riguardo alla possibilità per coppie dello stesso sesso di sposarsi e adottare bambini. 

È la seconda volta nel giro di tre anni che il paese si esprime riguardo ai diritti delle coppie gay.

In un primo referendum, tenutosi nel 2012, circa il 55 per cento dei votanti in Slovenia e nella Repubblica dell’ex Jugoslavia si era opposto alla concessione dei diritti civili alle coppie gay, incluso quello di adottare i figli naturali del proprio partner. 

A marzo scorso, il Parlamento aveva invece approvato una legge che riconosceva alle coppie dello stesso sesso il diritto di unirsi in matrimonio e ricorrere all’adozione, ma la normativa non è ancora stata applicata poiché il gruppo di attivisti For Children, che lottano per i diritti dei bambini, ha presentato appello alla Corte suprema, chiedendo un referendum contro tale legge. 

Affinché la situazione attuale venga modificata come richiesto da For Children, è necessario che almeno il 20 per cento dei votanti si opponga alla concessione dei diritti nei confronti delle coppie omosessuali.

“Mia moglie e io ci siamo sposati tre anni fa mentre mio fratello non può farlo solo perché ama una persona del suo stesso sesso. Non è giusto. La mia famiglia l’ha accettato ed è tempo di accettarlo anche come società”, ha detto Tilen Blazic, che voterà a favore dei diritti delle coppie omosessuali. 

Il governo supporta la nuova legge e non ha partecipato alla campagna per il referendum. Il principale partito di opposizione, il Partito democratico sloveno (SDS), è invece contrario. 

“Siamo contro una normativa che priverebbe i bambini del diritto fondamentale di avere una madre e un padre”, ha dichiarato un attivista di For Children utilizzando il sito web del movimento.

In Europa, alcuni stati come il Regno Unito, la Francia e la Spagna hanno riconosciuto legalmente il matrimonio omosessuale. La questione, tuttavia, rimane controversa in molti altri paesi dell’Unione.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Si è suicidato uno dei poliziotti che difesero Capitol Hill dall’assalto: è il quarto in 7 mesi
Esteri / Atene assediata dagli incendi: migliaia di abitanti e turisti costretti alla fuga
Esteri / Cadaveri per le strade, negozi in fiamme e raid aerei: migliaia di civili fuggono dai talebani nel sud dell’Afghanistan
Ti potrebbe interessare
Esteri / Si è suicidato uno dei poliziotti che difesero Capitol Hill dall’assalto: è il quarto in 7 mesi
Esteri / Atene assediata dagli incendi: migliaia di abitanti e turisti costretti alla fuga
Esteri / Cadaveri per le strade, negozi in fiamme e raid aerei: migliaia di civili fuggono dai talebani nel sud dell’Afghanistan
Esteri / Ucraina, uomo si barrica nella sede del governo e minaccia di far esplodere una bomba: arrestato
Esteri / "Quella maledetta esplosione ha ucciso nostra figlia e distrutto la nostra casa"
Esteri / L’Ungheria evoca l’uscita dall’Ue: “Possibile nel 2030, quando dovremo dare più di quanto riceviamo”
Esteri / A Wuhan torna l’incubo lockdown: isolato un quartiere e chiuse le scuole
Esteri / Bielorussia, ritrovato morto impiccato il dissidente anti Lukashenko scomparso a Kiev
Esteri / I sospetti dei media Usa e inglesi sulla vittoria di Jacobs: “La storia è piena di vincitori dopati”
Esteri / Regno Unito, in autunno terza dose di vaccino per tutti: la decisione di Boris Johnson